Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

E’ FINITA L’EPOCA DEGLI ULTIMATUM

Venerdì, 16 Marzo 2018 18:18

Il 4 marzo Sergei Skripal un ex agente dell’intelligence militare russa che ha tradito decine di agenti russi suoi amici e commilitoni all’intelligence britannica, e sua figlia sono stati avvelenati con gas nervino novichok circa 10 volte più potente del sarin.

Vil Mirzayanov ex scienziato sovietico che ha contribuito allo sviluppo e a testare l’agente chimico novichok oggi espatriato in New Jersey, ha dichiarato di non avere dubbi sul fatto che il presidente russo Vladimir Putin sia il diretto responsabile considerato che la Russia mantiene uno strettissimo controllo sulle scorte di novichok.

Il primo ministro britannico Theresa May ha detto che è altamente probabile che il presidente Putin sia dietro l’attacco ed invia un ultimatum di 24 ore per dare indicazioni al governo britannico.

Published in Europa

TRUMP-KIM RIDUZIONE DELLE SANZIONI?

Lunedì, 12 Marzo 2018 15:17

Si prevede che il presidente Trump e il leader Nordcoreano Kim Jong Un, secondo funzionari sud coreani, si possano incontrare entro la fine di maggio 2018 anche se ancora non sono stati fissati né la data né il luogo.

Riguardo al luogo potrebbe essere Ulan Bator (Mongolia) o dalla parte opposta Svezia o Svizzera quest’ultima è l’unico paese conosciuto da Kim, vi ha studiato da giovane sotto pseudonimo, infatti non lascia mai la Corea del Nord per evitare attentati alla sua persona o colpi di stato.

Published in Asia & Pacifico

L’unione Europea ha invitato il primo ministro Theresa May a risolvere la questione del confine, circa 500km, tra Repubblica d’Irlanda membro dell’UE e la provincia dell’Irlanda del nord facente parte del Regno Unito.

Si tratta dell’unico confine terrestre esistente tra Regno Unito e l’UE tranne naturalmente Gibilterra.

Theresa May ha dichiarato che tutto il Regno Unito lascerà il mercato unico dell’UE e l’unione doganale.

L’Unione Europea ha invece insistito sul fatto che i negoziati non possono andare avanti a meno che la Gran Bretagna non sia d’accordo riguardo i regolamenti doganali, essi devono infatti rimanere invariati da entrambi i lati del confine irlandese una volta effettuata la Brexit e inoltre la Brexit non dovrà portare alla creazione di un “Hard Border” con l’Irlanda del nord.

Published in Europa

ITALIAN PUZZLE

Mercoledì, 07 Marzo 2018 14:19

Domenica 4 marzo in Italia ci sono state le elezioni politiche. Il risultato è che è quasi impossibile formare un nuovo governo. Ma il governo non lo dovrebbe fare il partito che ha vinto le elezioni? In Italia non funziona così, formare una maggioranza di governo sarà molto difficile. Vediamo di riassumere molto brevemente la situazione, in Italia si sono creati 3 schieramenti: il primo il movimento 5 stelle che ha preso da solo circa il 32% dei voti il secondo la coalizione di centro destra, con circa il 37% dei voti il secondo il partito democratico con circa il 20% dei voti.

Published in Italia

LABIRINTO SAHEL

Mercoledì, 07 Marzo 2018 14:06

L’Italia lo scorso dicembre ha deciso di inviare 500 soldati nel Sahel, allo scopo di contenere Boko Haram, Al-Qaeda, Mujao, oltre che aiutare la Francia a proteggere le miniere di uranio.

L’unione Europea ha deciso di investire circa 60 milioni di euro in una forza antiterrorismo composta da oltre 11000 uomini nel Sahel africano. La radicalizzazione e la tratta di esseri umani sono le principali minacce della regione.

Published in Africa

Relazioni estere della Giordania

Lunedì, 01 Gennaio 2018 22:40

Nelle ultime settimane, in Giordania sono stati fatti molti commenti sull'importanza di adottare un nuovo approccio alle relazioni bilaterali giordane. Strategicamente, è imperativo che la Giordania continui a diversificare le sue opzioni, ma ciò deve essere fatto con un piano e un'idea chiari piuttosto che con cliché e propaganda.

Le dinamiche politiche globali si sono spostate, in particolare rispetto al Medio Oriente. Dalla crisi siriana al primo doppio veto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite cinese e russo nel 2012, il terreno si sta spostando sotto di noi da alcuni anni. Dobbiamo ricostruire le nostre relazioni bilaterali sulla base di questi cambiamenti e dei potenziali cambiamenti nei prossimi anni.

Published in Medio Oriente

Piano degli Stati Uniti per isolare l'Iran

Domenica, 19 Novembre 2017 23:32

Le dimissioni del primo ministro libanese Saad Hariri due settimane fa sono un indicatore della potenziale escalation locale con Hezbollah e l'escalation regionale con l'Iran. L'attesa di un'escalation imminente con Hezbollah esiste da mesi, poiché la fine della crisi in Siria avrebbe probabilmente spostato l'attenzione regionale sul gruppo sostenuto dall'Iran.

Oltre un decennio fa abbiamo assistito a un'escalation simile con l'assassinio del primo ministro libanese e padre di Saad, Rafiq Hariri nel 2005 e l'eventuale guerra contro Hezbollah nel 2006. All'epoca l'Iran era molto più debole e meno influente, e gli Stati Uniti avevano più politici capitale e ha avuto più risorse nella regione.

Published in America

L'ATTACCO CHIMICO

Giovedì, 16 Novembre 2017 19:57

La forma più comune della classificazione delle  armi chimiche è quella che si basa sugli effetti provocati sull’organismo per questo motivo imputare i decessi a seguito del presunto bombardamento siriano al Gas Sarin è quanto di più improbabile ed inesatto si possa sostenere.

Il gas Sarin è un agente nervino, può essere liquido od aeriforme ed è incolore ed inodore.

Non ha persistenza nell’aria e si dissolve  rapidamente a seconda delle condizioni meteo.

Le dosi letali vanno considerate tra 100 LCt 50 (11) e  1700 LD 50 (12) quindi siamo di fronte a diversi tipi di composti che si utilizzano a seconda delle circostanze di attacco e di distribuzione aerea in considerazione, come già detto delle condizioni meteo al momento dell’azione.

Published in Medio Oriente

Il nuovo concetto di sicurezza nazionale

Domenica, 12 Novembre 2017 23:22

In un'atmosfera dinamica come il Medio Oriente, il concetto di sicurezza nazionale deve essere rivisto al fine di affrontare con successo le sfide fornendo strumenti efficaci ed efficienti per sviluppare una società più resiliente.

Il nuovo concetto di sicurezza nazionale non può essere limitato alle questioni militari e di sicurezza come negli ultimi anni. Deve proteggere con successo sia i cittadini che lo stato da ogni minaccia e pericolo. Per fare ciò dobbiamo includere una gamma più ampia di questioni come la diplomazia, lo sviluppo microeconomico, il potere economico, le relazioni interne ed interne allo stato, nonché le comunicazioni interne ed esterne.

Published in Medio Oriente

USA fake

Giovedì, 13 Aprile 2017 12:47

Dopo le denunce verbali senza riscontri, dopo le dichiarazioni dei militari americani che dicono al mondo di aver visto dal satellite che l’aviazione siriana di Assad bombardava con il gas sarin la popolazione civile anche questa volta senza riscontri e senza aver portato i tracciati da cui inequivocabilmente sarebbe stato possibile capire se l’attacco chimico era stato programmato da Assad, ecco l’ennesimo colpo di scena.

Published in America
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version