Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

06-10-2015

LA MOSSA DEL CAVALLO

Rate this item
(16 votes)

Come tutti sapete, nel gioco degli scacchi il cavallo si muove ad elle sulla scacchiera, va avanti ed indietro ed incide sulla vittoria finale.

In questa altalena riesce a bloccare le mosse dell’avversario oppure a confondere il gioco.

La Nato, oggi, mutuando gli scacchi nello scenario siriano, attacca la Russia per i raid aerei unilaterali anti ISIS, denunciando l’azione militare di Mosca come mossa salva Assad.

Come accade, la verità è sempre e solo una ed anche se gli Stati Uniti sono abili nel confondere l’oggettività dei fatti, la situazione è chiara.

La Nato e gli Usa, da oltre un anno, dicono di voler combattere lo Stato Islamico in Siria ed Iraq, ma i risultati sono stati scarsissimi. L’aviazione statunitense non è riuscita a bloccare l’avanzata ISIS facendo anche dubitare gli esperti di settore sulle reali capacità di intervento americano.

Le apparizioni in tv di Obama hanno solo virtualmente assicurato la futura vittoria sul Califfato senza mai corrispondere alla realtà.

Putin dopo aver ampliato la base navale di Tartus in Siria, ha cercato un ponte strategico anche con gli USA sulla questione Daesh, non ottenendo nulla di concreto.

A questo punto il leader russo si è visto costretto all’intervento unilaterale per sottrarre la Siria dalle mani del Califfato.

È chiaro che in questo momento supportare il legittimo governo Siriano è l’unica cosa possibile, una volta pacificata l’area, ma solo allora, si potrà parlare di un’ uscita di Assad dalla scena politica.

La posizione statunitense è invece quella di combattere l’ISIS, appoggiare i ribelli antiAssad e rovesciare contestualmente  l’attuale Presidente siriano.

Posizione, questa, priva di ogni logica di strategia militare, che tende solo a destabilizzare l’area per i prossimi 15 anni, proprio come è successo in Libia ed in Iraq.

 

© Riproduzione Riservata

Sergio Giangregorio

Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali. Perfezionato presso L’Università degli Studi Roma 3 in “ Modelli Speculativi e ricerche educative nell’interazione multimediale di primo e secondo livello“ Docente universitario a contratto in materie investigative con specifico expertise sulla sicurezza in aree urbane, sulle tecniche di intelligence e di peacekeeping. Esperto di comunicazione in situazioni estreme.

Giornalista investigativo ed analista di intelligence , come Ghost writer ha elaborato numerosi studi strategici coprendo tutti i teatri di guerra dai balcani , al vicino oriente seguendo i conflitti in Afganistan, Iraq e nel nord-Africa.

Presidente del Centro Europeo Orientamento e Studi – Ente morale di diritto privato per la difesa dei diritti civili.

Direttore Responsabile del magazine online Convincere.

Website: www.sergiogiangregorio.it
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version