Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

07-01-2020

Guerra ibrida

Rate this item
(10 votes)

Non ci sarà una terza guerra del golfo.

Il target killed del Generale Soleimani deve essere inquadrato nella necessità del governo USA di ristabilire gli equilibri proporzionali nell’area, tali da riportare gli americani ad un totale controllo dell’espansione iraniana.

L’azione dei militari Usa non può essere messa in relazione alla politica interna statunitense ed ai problemi del Presidente.

E’ chiaro che Trump gioca la sua rielezione anche sullo scacchiere medio orientale, ma ha un forte aiuto dall’inerzia dei democratici che divisi e poco reattivi sono per ora spettatori passivi della vicenda iraniana.

Gli elettori americani vedono comunque con interesse le prove di forza del Pentagono e questo fa pensare ad una maggiore considerazione del presidente in relazione all’ipotesi di una sua rielezione.

L’ Iran procederà ad una serie di reazioni selettive non avendo capacità militari ed economiche per ingaggiare una crisi generale nel golfo, neppure tenterà a chiusura dello stretto di Hormuz per danneggiare le esportazioni di greggio.

Certamente ci saranno delle rappresaglie sulle postazioni militari americane, azioni queste moralmente obbligatorie per lo stato islamico ormai caduto nella trappola statunitense.

Se l’Iran non reagisce rischia una crisi di governo, ma la sua reazione non potrà mai essere esclamante come la popolazione vorrebbe.

Il Generale Soleimani è stato per anni tollerato ed a volte supportato dal Pentagono perché utile nel contenimento di Daesh, ora cambiando i contesti era più che logico che il leggendario militare sciita fosse diventato troppo ingombrante e troppo popolare nella sua visione di unire trasversalmente Iran ed Iraq nella fede sciita dei due paesi confinanti. 

La sua eliminazione si colloca nella guerra ibrida e nelle alleanze dettate dall’utilità del momento. 

L’odierno viaggio di Putin a Damasco dove ha incontrato il Presidente Siriano conferma la debolezza attuale iraniana di fronte all’ipotesi di uno scontro globale.

Sergio Giangregorio

Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali. Perfezionato presso L’Università degli Studi Roma 3 in “ Modelli Speculativi e ricerche educative nell’interazione multimediale di primo e secondo livello“ Docente universitario a contratto in materie investigative con specifico expertise sulla sicurezza in aree urbane, sulle tecniche di intelligence e di peacekeeping. Esperto di comunicazione in situazioni estreme.

Giornalista investigativo ed analista di intelligence , come Ghost writer ha elaborato numerosi studi strategici coprendo tutti i teatri di guerra dai balcani , al vicino oriente seguendo i conflitti in Afganistan, Iraq e nel nord-Africa.

Presidente del Centro Europeo Orientamento e Studi – Ente morale di diritto privato per la difesa dei diritti civili.

Direttore Responsabile del magazine online Convincere.

Website: www.sergiogiangregorio.it
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version