Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

La scorsa settimana ha segnato 30 anni dalla caduta del muro di Berlino. Questa sarà sempre una data straordinaria nella storia, poiché ha segnato la fine della Guerra Fredda e il confronto dei due blocchi. La guerra fredda è stata anche il segno di spicco della politica globale che è stata modellata in base alle alleanze ideologiche, poiché l'ideologia ha svolto un ruolo importante nel modellare la natura delle alleanze e il ruolo dell'alleato. Molti paesi si sono trovati a svolgere un ruolo o a far parte di alleanze secondo questi criteri nell'ultima generazione.

Published in Medio Oriente

La conferenza La partecipazione femminile alla vita politica degli Emirati Arabi Uniti, si è tenuta nella facoltà di scienze politiche di Cagliari, nella splendida cornice dell’aula dedicata ad una donna che tanta fama ha regalato alla Sardegna: Maria Lai. Non poteva esserci sede migliore per una conferenza che è stata una rivelazione ed un arricchimento.

Published in Italia

Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato la promulgazione di una nuova serie di leggi per la protezione della famiglia che includeranno meccanismi per proteggere donne, bambini e anziani da qualsiasi tipo di violenza e abusi che possono subire sia all’interno delle mura domestiche sia in scuole, posti di lavoro, ospedali, ecc.

Published in Medio Oriente

Dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021, Expo 2020 Dubai accoglierà il mondo per celebrare creatività, innovazione e cultura. Il suo tema, “Connettere le menti, creare il futuro”, riflette la visione di Expo 2020 per un futuro migliore per il nostro pianeta. Con 192 paesi partecipanti e circa 25 milioni di visite, sarà il più grande evento mai tenuto nel mondo arabo. Gli Emirati Arabi Uniti stanno moltiplicando gli sforzi per riuscire a ricevere tutti gli ospiti che vorranno visitare l’esposizione. Per offrire il massimo comfort ai visitatori si è deciso di bandire un concorso di idee per creare una serie di monumentali fontane che offriranno acqua potabile fresca a milioni di visitatori di Expo 2020 Dubai.

Published in Medio Oriente

La crisi che interessa il nord della Siria, con l’inquietante presa di posizione della Turchia che ha sfidato il mondo intero invadendo le aree sotto il controllo delle forze curde, ha però fatto emergere con chiarezza alcune dinamiche che investono il Medio Oriente. In un’area che da anni subisce violenze e disordini scellerati, sintomo di un islamismo rampante che non risparmia la popolazione inerme e i governi locali, alcuni attori si distinguono per la lungimiranza e prontezza con cui stanno gestendo gli equilibri regionali.

Published in Medio Oriente

La battaglia di Erdogan nel nord della Siria

Martedì, 15 Ottobre 2019 21:28

L'operazione dei militari turchi che rotola nella Siria nord-orientale è una manifestazione della necessità del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di spostare l'attenzione dal crescente caos all'interno del suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP). In seguito alla perdita delle recenti elezioni municipali a Istanbul e alla frammentazione del partito da lui fondato, tra cui la caduta con vecchi alleati, Erdogan aveva bisogno di consegnare qualcosa per ripristinare la reputazione dell'AKP e lui stesso per evitare un'ulteriore frammentazione. Quindi, in molti modi, questo conflitto è la battaglia di Erdogan.

Published in Medio Oriente

Le questioni di genere, ormai sistematicamente presenti nelle agende politiche di tutti i paesi occidentali, non risparmiano neanche il Medio Oriente, e investono soprattutto le realtà più riformiste come quella degli Emirati Arabi Uniti che negli ultimi anni si sono dimostrati leader nella regione nell’abbattimento delle differenze di genere.

Published in Medio Oriente

Le intenzioni degli Stati Uniti per l'insediamento regionale possono essere chiaramente viste in due decisioni nel primo mandato del presidente americano Donald Trump. Il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e l'annuncio che l'ambasciata degli Stati Uniti sarà trasferita lì, così come il riconoscimento dei territori occupati nelle alture del Golan siriano come terra israeliana. Queste erano decisioni abbastanza semplici che nessuna resistenza significativa poteva fermare, ma il valore shock di queste politiche potrebbe significare che quando le principali parti interessate tornano al tavolo per i negoziati di insediamento hanno un'aspettativa più realistica di come potrebbe essere l'esito. Pertanto, non sorprenderà se esiste già un consenso americano nei confronti di Israele che annette parte della Cisgiordania.

Published in Medio Oriente

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Lunedì, 25 Febbraio 2019 14:29

Verso l'ultimo anno del suo primo mandato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump perseguirà un accordo regionale in Medio Oriente, con particolare attenzione alla Palestina. Dall'inizio di questa amministrazione, ci sono state fughe di notizie e voci dalla Casa Bianca sulla "questione del secolo" per il Medio Oriente.

Il primo chiaro segno dell'interesse di questa amministrazione a trovare un accordo scuotendo la situazione fu quello di annunciare il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e che l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele sarebbe stata trasferita lì. Si trattava chiaramente di una mossa calcolata, poiché la rabbia e il respingimento di coloro che si opponevano non sembravano esercitare alcuna pressione sull'amministrazione.

Published in Medio Oriente

Con la riapplicazione unilaterale delle sanzioni sull'Iran lo scorso anno, l'amministrazione statunitense ha chiarito le sue intenzioni di applicare una vasta strategia anti-iraniana. Il recente tour del Medio Oriente del Segretario di stato americano Mike Pompeo faceva parte della dichiarazione del piano americano per la regione, a partire da Amman. L'approccio all'Iran non è nuovo, con un approccio simile adottato dal presidente George W. Bush, che aveva anche il falco John Bolton nella sua amministrazione anti-iraniana.

L'attuale approccio sembra essere un piano anti-iraniano più completo in fase, tempistica e obiettivo. Le sanzioni economiche sono uno strumento molto efficace contro l'Iran e il momento di riappropriarle dopo più di sette anni di guerra in Siria, dove le risorse dell'Iran sono state investite, è efficace, poiché le sanzioni sull'Iran possono raccogliere i frutti economici dalla ricostruzione di Siria.

Published in Medio Oriente
Pagina 2 di 4

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version