Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

PEACE FOR REAL 2

Martedì, 18 Giugno 2024 10:09

Il 15 e il 16 giugno 2024 la Svizzera ha organizzato a Bürgenstock, una conferenza per la pace in Ucraina al cui vertice la Russia non è stata nemmeno invitata. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che i risultati dell'incontro, al quale la Russia non è stata invitata, sono "vicini allo zero". Non puoi sederti e parlare con una persona il cui unico obiettivo è distruggerti”, ha detto a Reuters il mese scorso il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Il presidente russo Vladimir Putin si è dichiarato pronto a parlare, ma non con Zelenskyj, che considera illegittimo. "Naturalmente capiamo perfettamente che verrà il momento in cui sarà necessario parlare con la Russia", ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. "Ma la nostra posizione è molto chiara: non permetteremo alla Russia di parlare il linguaggio degli ultimatum come sta parlando adesso."Peskov ha affermato che quella che ha definito l'iniziativa di pace di Putin rimane all'ordine del giorno e ha riaffermato la posizione di Mosca di essere aperta al dialogo. Putin ha dichiarato alla vigilia del “vertice di pace” ucraino in Svizzera di essere pronto a parlare solo se Kiev “diventerà realista”. Ha incolpato l’Ucraina per la guerra e ha detto che vuole tornare alle richieste precedenti: che l’Ucraina ceda tutti i territori occupati e si smilitarizzi, abbandonando al contempo le sue aspirazioni ad aderire alla NATO.

Published in Europa

RUSSIA RUN TO VICTORY

Mercoledì, 15 Maggio 2024 16:13

I leader dell’Occidente e dell’Ucraina hanno descritto la guerra in Ucraina come un’accaparramento di terre in stile imperiale, il che dicono, dimostra che la Russia post-sovietica è una delle due maggiori minacce statali alla stabilità globale, insieme alla Cina. Putin, invece, presenta la guerra come parte di una lotta molto più ampia con gli Stati Uniti, che secondo lui ignorarono gli interessi di Mosca dopo il crollo sovietico del 1991 e poi complottarono per dividere la Russia e impossessarsi delle sue risorse naturali. Secondo diplomatici russi e statunitensi, l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin nel 2022 ha innescato la peggiore crisi nelle relazioni tra Russia e Occidente dalla crisi missilistica cubana del 1962. Il generale Sir Richard Barrons ha detto che esiste "un serio rischio" che l'Ucraina perda la guerra quest'anno.

Published in Asia & Pacifico

UKRAINA GAME OVER

Lunedì, 13 Maggio 2024 18:08

Oggi l’Ucraina si trova in una posizione estremamente precaria. La tanto attesa controffensiva dell’estate 2023 è fallita. I litigi sulla strategia hanno diviso le sue élite politiche e militari. Il suo pool di soldati – sia volontari che quelli a portata di mano – ha iniziato a prosciugarsi. La sua economia è nel caos. La volontà dei suoi alleati di mantenere il flusso di armi è in dubbio. Infine, e forse è la cosa più dolorosa, non c’è più la convinzione degli ucraini di poter vincere. Cosa è accaduto durante il secondo anno di guerra per spiegare questo deprimente bilancio? Nell’ultimo anno, Mosca è stata in grado di convertire i suoi maggiori vantaggi dimensionali in vantaggi sul campo di battaglia. La Russia ha un’economia più grande, un’industria degli armamenti più grande e una popolazione più grande di quella dell’Ucraina.

Published in Europa

WATER ON FIRE

Martedì, 07 Maggio 2024 10:20

Le agenzie di intelligence europee hanno avvertito i loro governi che la Russia sta tramando violenti atti di sabotaggio in tutto il continente mentre contemporaneamente si impegna in un conflitto permanente con l’Occidente. "Riteniamo che il rischio di atti di sabotaggio aumenteranno in modo significativo", ha affermato Thomas Haldenwang, capo dell'intelligence interna tedesca. La Russia sembrerebbe intenzionata a portare avanti questo tipo di operazioni sul suolo europeo. E ancora, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha detto: “Putin non si fermerà all’Ucraina”. L’ex direttore della CIA David Petraeus ha detto a Christiane Amanpour della CNN: “Putin non si fermerà qui”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha avvertito:“Lituania, Lettonia, Estonia, Moldavia potrebbero essere i prossimi”, e l’ambasciatrice degli Stati Uniti in Gran Bretagna Jane Hartley ha affermato che “chiunque pensi che la Russia possa fermarsi dopo questo… si sbaglia”. Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis è sulla stessa lunghezza d’onda, avendo affermato:“La Russia non si fermerà. …Putin ha intenzione di andare oltre”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lanciato lo stesso identico avvertimento nel dicembre 2023, così come ha fatto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Published in Europa

THE WINNER

Lunedì, 29 Aprile 2024 20:52

Alla fine, la Camera dei Rappresentanti, ha approvato miliardi di dollari in nuovi aiuti militari statunitensi all'Ucraina, per aiutare a combattere l'invasione russa. La misura, molto ritardata, ha avuto forti oppositori al Congresso e ci è voluto un fragile accordo bipartisan per far approvare il pacchetto da 61 miliardi di dollari.

Published in America

W. W.

Venerdì, 12 Aprile 2024 19:08

L’Ucraina è un campo di battaglia e anche un tavolo di trattative. Un’area di disputa dello “scontro di civiltà” predetto da Samuel Huntington nel vicino ma lontano 1996. L’Ucraina è dove tutto finisce e inizia. È qui che finisce l’eurasiatismo (il sogno di un’Europa da Lisbona a Vladivostok) ed è dove inizia il nuovo capitolo del perpetuum bellum tra Nord America e Russia. Ed è soprattutto un teatro chiave delle operazioni della “Terza World War a pezzi”.

Published in Europa

WHERE IS MR. JOHNSON NOW?

Venerdì, 22 Marzo 2024 20:56

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato attacchi terrestri e aerei contro l’Ucraina su quattro fronti. Il 28 febbraio 2022, funzionari russi e ucraini si sono riuniti a Gomel, in Bielorussia, per iniziare a negoziare la pace. I colloqui di pace continuarono a intermittenza per un mese prima di essere interrotti. Infatti sembrerebbe proprio che solo poche settimane dopo l’inizio della guerra, l’Ucraina era pronta a firmare un accordo con la Russia durante i colloqui di pace a Istanbul fino a quando le potenze occidentali, guidate dall’ex primo ministro britannico Boris Johnson, ordinarono a Kiev di annullare l’accordo. Si sostiene quindi che la colpa della guerra oltre quel punto spetti all’Occidente e che gli alleati dell’Ucraina non siano altro che guerrafondai. Le accuse contro Johnson sono emerse dopo che David Arahamiya, leader della fazione del partito Servitore del popolo nella Verkhovna Rada e capo della delegazione ucraina nei colloqui con la Russia, ha rilasciato diverse dichiarazioni forse un po' controverse nel novembre 2023. In un’intervista con la giornalista ucraina Natalia Moseychuk, Arahamiya ha citato varie ragioni riguardo la decisione di Kiev di non negoziare con Mosca nel 2022, inclusa la visita inaspettata di Johnson a Kiev. Secondo il deputato, mentre a Istanbul era in corso un ciclo di colloqui, Boris Johnson è arrivato a sorpresa a Kiev il 9 aprile 2022 e ha detto che l’Ucraina “non dovrebbe firmare nulla con i russi – combattiamo e basta”. Ha anche rivelato che la Russia ha proposto di porre fine alla guerra nella primavera del 2022 a condizione che l’Ucraina abbandoni le sue aspirazioni nella NATO e adotti una posizione neutrale. “Erano pronti a porre fine alla guerra se avessimo adottato – come fece una volta la Finlandia – la neutralità e ci fossimo impegnati a non aderire alla NATO.

Published in Europa

PUTIN NEVER GIVE UP

Martedì, 19 Marzo 2024 12:46

Il conflitto in Ucraina sta per entrare nel suo terzo anno solare. Negli ultimi mesi le linee del fronte non si sono quasi mosse, ma il corso della guerra potrebbe cambiare nel 2024? Vladimir Putin ha nuovamente minacciato di usare armi nucleari la scorsa settimana dopo che il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto che la Nato dovrebbe prendere in considerazione l’invio di truppe per garantire la vittoria dell’Ucraina. Molto di ciò che Putin dice è un atteggiamento o una politica del rischio calcolato, perché crede che il tempo sia dalla sua parte. La scorsa settimana funzionari statunitensi hanno portato a Kiev rilevatori di radiazioni e compresse di ioduro di potassio, agendo in base alle stime dell’intelligence che indicavano la probabilità del 50% di un attacco nucleare tattico russo. La preoccupazione era così grande che la Casa Bianca ha chiesto a un gruppo di esperti di ideare un nuovo “programma” nucleare composto da piani di emergenza, risposte militari americane facoltative e scenari di escalation, ha riferito il New York Times. Tutto ciò si basava sul calcolo che un attacco nucleare era più probabile che mai dalla fine della guerra fredda. Putin descrive l’Ucraina come una guerra contro gli Stati Uniti e la NATO – e i sondaggi suggeriscono che la maggior parte dei russi gli crede. Per lui, la sconfitta è inaccettabile.

Published in Europa

BROKEN PROMISES

Venerdì, 01 Marzo 2024 22:36

La promessa fatta al leader sovietico Mikhail Gorbaciov dall’ex segretario di Stato americano James Baker nel 1990, durante i negoziati tra l’Occidente e l’Unione Sovietica riguardo l’unificazione tedesca, fu che: “La NATO non si sposterà di un centimetro più a est”. "Non bisogna mai dimenticare che, “queste promesse sono state fatte oralmente e non sono mai state registrate in un trattato", ricorda Olivier Kempf, ricercatore associato presso la Foundation for Strategic Research. La violazione dell’impegno solenne di non espandersi ha avuto un ruolo di primo piano come componente importante nella narrativa di politica estera di Putin che presenta la Russia come una vittima e una parte lesa. In un discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007, il Leader russo chiese: “Cosa è successo alle assicurazioni fatte dai nostri partner occidentali dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia?” E poi ancora in un discorso al Cremlino dopo l’annessione della penisola ucraina di Crimea da parte della Russia nel 2014, ha accusato i leader occidentali di “averci mentito molte volte, preso decisioni alle nostre spalle, messo davanti a noi un fatto compiuto. questo è accaduto con l’espansione della NATO verso est”. il segretario di Stato americano Anthony Blinken, ha una volta dichiarato: “La NATO non ha mai promesso di non ammettere nuovi membri. Non poteva e non voleva: la “politica della porta aperta” era una disposizione fondamentale del Trattato Nord Atlantico del 1949 che fondò la NATO”.

Published in Europa

David and Goliath

Venerdì, 23 Febbraio 2024 21:24

Nella Bibbia, Davide uccise Golia in un unico incontro. Ma in una guerra lunga, per Davide è impossibile sconfiggere Golia. La Russia ha attaccato l’Ucraina il 24 febbraio 2022, con Putin che chiedeva la “smilitarizzazione e denazificazione” dell’Ucraina, dando inizio alla più grande guerra in Europa dal 1945. Lo sforzo iniziale della Russia di catturare Kiev è per ora fallito, ma le linee del fronte sono rimaste relativamente statiche dal 2023 nonostante i primi successi dell’Ucraina. Zelenskyj rimane popolare, anche se non tanto quanto prima. Kiev ha chiarito che non ci saranno elezioni in tempo di guerra e legge marziale, dato che gran parte della popolazione è sfollata, si parla di 20 milioni, e gran parte del territorio ucraino è sotto occupazione.

Published in Europa
Pagina 1 di 7
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version