Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Ci sono molte domande su come il ritiro americano dall'Afghanistan influenzerà le dinamiche della politica globale. Mentre l'Afghanistan potrebbe non essere più un problema per gli Stati Uniti, la geografia suggerisce che sarà un problema per paesi come la Russia, compresi i suoi vecchi territori, la Cina e l'Iran. In questo contesto, è importante considerare se questi paesi accetteranno passivamente le conseguenze o saranno più proattivi per contenere l'influenza americana altrove.

Anche gli stessi Stati Uniti stanno affrontando alcune difficoltà in seguito al ritiro dall'Afghanistan, che non è stato visto positivamente dagli alleati storici tra cui UE e NATO, che speravano nel ripristino di una certa stabilità per costruire fiducia e credibilità con il cambio di presidente. In effetti, è probabile che la mossa rafforzi i paesi che adottano approcci unilaterali per garantire i propri interessi.

Published in Medio Oriente

Afganistan exit strategy

Giovedì, 09 Settembre 2021 21:41

Valutando il bilancio costi benefici gli Stati Uniti avevano da tempo deciso di abbandonare l’Afganistan, le stesse origini dell’occupazione americana non erano supportate da reali necessità strategico difensive, ma più realisticamente dal bisogno del Presidente Bush di recuperare consensi e di mostrare alla comunità internazionale che l’America poteva ancora essere considerata il poliziotto del mondo in grado di esportare democrazia e diritti ovunque.

Published in Medio Oriente

La tempistica della decisione americana di ritirarsi dall’Afghanistan ha aggiunto ulteriore pressione alle sfide alla sicurezza che il mondo si aspettava dopo il Covid. Non c’è dubbio che molti gruppi terroristici si stavano riorganizzando in attesa che arrivasse il momento giusto per far leva sugli enormi problemi socio-economici e politici che molti paesi stanno affrontando, proprio a causa della pandemia. Ora, con l’Afghanistan fruibile per i gruppi terroristici come hub per nuovi piani e attacchi, è probabile che le minacce alla sicurezza globale raggiungano il picco.

A causa della sua posizione geografica, i rischi maggiori saranno probabilmente interni. I paesi vicini come Russia, Cina, Iran e Pakistan dovranno impegnarsi politicamente con i talebani ma, allo stesso tempo, non bisogna dimenticare che è presente un numero crescente di gruppi terroristici. L’Isis era già precedentemente in competizione con gli stessi talebani, ma ci sono da considerare altre pedine del gioco, come ad esempio i piani ambiziosi di una nuova generazione di giovani combattenti di Al-Qaeda.

Published in Medio Oriente

Mentre il mondo si è concentrato sulla gestione di COVID-19 e le risorse dell'apparato di sicurezza hanno affrontato l'epidemia, trasformando le istituzioni in modo da applicare restrizioni e mantenere le distanze sociali, le minacce alla sicurezza più tradizionali hanno operato con meno pressione e in crescita. Tracciare i segni delle attività terroristiche negli ultimi mesi suggerisce che continuano a operare in tutta la regione, dalla Somalia alla Siria, dalla Libia all'Iraq, all'Egitto, allo Yemen, all'Afghanistan e in tutta l'Asia centrale.

Published in Medio Oriente

Attentato a Kabul

Lunedì, 24 Agosto 2015 14:02

Un kamikaze si fa saltare in aria nella capitale afgana che torna ad essere teatro del terrorismo di Al Qaeda.

Published in Medio Oriente

Task force 45 sul fronte di guerra iracheno

Lunedì, 18 Maggio 2015 22:29

Dopo il bliz delle forze speciali americane in Siria che ha portato all’uccisione del leader dell’Isis Abu Sayyaf, l’Italia accoglie una precedente richiesta statunitense ed invia sul fronte iracheno circa 70 uomini provenienti dalla Task Force 45 fatti rientrare da qualche mese dall’Afghanistan.

La scelta italiana si inquadra in una più generale strategia che vede l’utilizzo di “specialisti“ in Siria ed Iraq.

Published in Medio Oriente

Bakwa – Afghanistan

Venerdì, 23 Maggio 2014 02:15

Due caccia italiani AMX basati nell’aeroporto militare di Herat hanno distrutto il 19 maggio scorso un potente ripetitore per comunicazioni radio, posizionato dai talebani nelle alture del distretto di Bakwa.

Il ripetitore era stato localizzato con esattezza dall’intelligence  del “ Regular Command West “ e dalle immagini ad alta definizione acquisite dai “ Predator B “  veicoli a pilotaggio remoto.

Published in Medio Oriente

La cronaca è cruda e sintetica, il mezzo un VTLM Lince è stato oggetto di un attacco da parte di elementi ostili, l’episodio è dell’otto giugno 2013.

Una bomba a mano sarebbe stata lanciata dentro il mezzo militare provocando la morte del militare e il ferimento di altri commilitoni.

La  rivendicazione dell'agguato da parte dei talebani, descrive l'azione come un atto coraggioso compiuto da un, “eroico ragazzino afghano di 11 anni che ha lanciato la granata”.

Published in Asia & Pacifico

Gli AMX della Task Group “Black Cats” nelle oltre 6000 ore di volo notturne e diurne sono riusciti a fotografare nell’area di influenza ad est di Herat tutti gli itinerari ed i percorsi degli Insurgents permettendo così di completare la cartografia dei corridoi utilizzati dalle forze ostili.

I dati raccolti sono stati elaborati dagli analisti dell’immagine dell’ufficio AZ  - ISR che ha successivamente prodotto un utile piano strategico sulla sorveglianza e la ricognizione del quadrante interessato.

Published in Asia & Pacifico
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version