Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Medio Oriente

Medio Oriente

Recentemente si sono verificati vari episodi di scontro indiretto tra Iran e Israele. Questi semi-scontri mostrano il desiderio di entrambi di non avere uno scontro aperto, tuttavia il numero di incidenti e attacchi sta aumentando prendendo una nuova dimensione con l'incidente nella centrale nucleare iraniana di Natanz.

Venerdì, 16 Aprile 2021 21:33
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Ci sono vari segnali nei paesi arabi del potenziale di turbolenze politiche. Le potenziali rivolte non sono più una sorpresa, ma la situazione attuale dovrebbe sollevare preoccupazioni politiche e di sicurezza in tutti gli stati della regione.

Più di 10 anni dopo l'inizio delle rivolte della Primavera araba, dove le questioni di fondo all'interno dei paesi arabi sono state rivelate senza mezzi termini, non c'è stato un vero approccio per gestire il cambiamento o offrire soluzioni. C'è una netta mancanza di anticipazione di ciò che è necessario e quasi nessuna misura proattiva per affrontare i problemi. La riforma politica è necessaria e non a lungo termine, ma ora.

Per un paese come la Giordania, quest'anno segna 100 anni dalla fondazione del paese. La Giordania ha affrontato diversi momenti critici, difficoltà e sfide. Ci sono stati periodi promettenti in cui il cambiamento è stato adottato per gestire le situazioni in via di sviluppo. Nel 1989, a seguito della rivolta di aprile, fu trovata la volontà politica di risolvere i problemi di fondo, non solo da un punto di vista economico, ma una visione molto più ampia basata sull'inclusione politica e sul miglioramento del processo democratico. Nell'ultimo decennio abbiamo anche assistito ad alcuni tentativi di attuare emendamenti costituzionali e aumentare la trasparenza della politica nel paese.

Lunedì, 08 Febbraio 2021 23:44
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Durante questi tempi difficili, i paesi stanno affrontando sfide multidimensionali. La crisi non si limita alle sfide economiche ma è anche una crisi di governance, rimodellando il concetto di ruolo dello Stato. Per un paese come la Giordania che presto festeggerà un secolo dalla sua istituzione, è molto importante sfruttare questo anniversario per valutare i risultati, gli errori, le sfide, i rischi e le opportunità. È anche fondamentale pensare progressivamente per superare le sfide prima che diventino rischi reali per la Giordania nel prossimo futuro.

Lunedì, 18 Gennaio 2021 01:02
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Oggi 16 gennaio sono 30 anni dallo scoppio della prima guerra del Golfo, in cui la coalizione internazionale attaccò l’Iraq di Saddam Hussein. L’inizio della guerra e la sua rapida evoluzione non diedero la percezione all’uomo comune di quali sarebbero state le sue conseguenze, nel breve, medio e lungo periodo. Questa guerra in realtà avrebbe cambiato per sempre il volto della regione mediorientale inaugurando una stagione di instabilità che ancora oggi persiste.

Sabato, 16 Gennaio 2021 13:26
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Quest'anno ricorre il decimo anniversario degli eventi che hanno innescato la Primavera araba. Da quel momento, un nuovo ordine politico regionale si è sviluppato in tutta la regione araba e ha portato a un progressivo cambiamento delle priorità in Medio Oriente. Il passaggio dalla democrazia imposta alle rivoluzioni guidate dai cittadini per la democrazia e la libertà ha portato alla singolare priorità della lotta al terrorismo. Allo stesso modo, l'imposizione ideologica della democrazia e della libertà si è trasformata in pragmatismo economico. Nel frattempo, la stabilità interna è diventata la principale priorità dei responsabili politici poiché il disordine sociale potrebbe creare un terreno fertile per gravi rischi per la sicurezza, inclusi criminalità organizzata e gruppi terroristici, e per impostazione predefinita creare il potenziale per il rovesciamento dei regimi. Sebbene le difficoltà economiche siano un problema serio, i responsabili delle decisioni devono anche tenere a mente la delicata situazione regionale e le potenziali implicazioni per i loro paesi.

Martedì, 29 Dicembre 2020 13:10
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Mentre nuove ondate di COVID-19 stanno colpendo in tutto il mondo, la Giordania sta affrontando una delle sfide più difficili. Sebbene ci sia stato un recente cambiamento di governo, devono ancora esserci segnali positivi di una nuova capacità di affrontare le situazioni critiche che il paese deve affrontare adottando un approccio nuovo e più efficace.

Il nuovo governo avrebbe dovuto essere costruito sulla base delle capacità di gestione delle crisi, ma invece è un modo burocratico tradizionale che è storicamente inefficace nell’affrontare le sfide che la Giordania deve affrontare. Ciò è particolarmente interessante data la Royal Designation Letter, che ha evidenziato la necessità di concentrarsi e affrontare le principali sfide create da COVID-19.

Lunedì, 23 Novembre 2020 18:22
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Sempre più spesso gli Stati si comportano riflettendo il momento storico: Lasciato alle spalle il dualismo del passato – i due blocchi della Guerra fredda – si procede spediti verso un periodo in cui tutti cercano di prevalere sugli altri loro antagonisti

di Emanuela Locci (*) – La Turchia fa parlare di sé, sia in relazione alle dispute internazionali che la vedono contrapposta a paesi come la Grecia, la Francia e gli Emirati Arabi Uniti, per la questione relativa alla ricerca e allo sfruttamento delle fonti energetiche presenti nel Mediterraneo Orientale, sia per le questioni di politica interna che vedono un progressivo indebolimento, almeno secondo gli ultimi sondaggi, del partito al potere, l’Akp, guidato dal presidente della repubblica Erdogan.

Domenica, 27 Settembre 2020 23:00
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

Da mesi la Turchia sta vivendo un’escalation del potere del Presidente Recep Tayyip Erdoğan e del suo partito l’Akp che regge le sorti del paese da quasi un ventennio.

La girandola di avvenimenti che stanno interessando la Turchia è impressionante: dalla Libia alla Siria, alla contesa sulle fonti energetiche del Mediterraneo orientale, che la vedono contrapposta in particolare alla Grecia, paese con cui Ankara non ha mai avuto buoni rapporti.
Si è inasprito negli ultimi giorni anche il confronto con la Francia, che ha dei forti interessi nella zona e intende difenderli e con gli Emirati Arabi Uniti, che in questo frangente, hanno appoggiato immediatamente la Grecia con l’invio di arerei in supporto delle forze aeronavali elleniche.

L’audace e spregiudicata politica estera, e l’accrescimento della sua influenza in paesi geograficamente lontani, come quelli africani, ma strategici, ha messo in allarme molte diplomazie, da quelle europee a quelle del mondo arabo che mal tollerano la presenza turca in numerosi scenari strategici internazionali.
Il caso più evidente è quello della Libia, dove la Turchia ha per il momento scalzato l’Italia e la Francia e in questo momento sta svolgendo un ruolo primario per la risoluzione almeno temporanea della guerra civile in corso da anni.

Militari turchi in Libia

Al quadro internazionale si aggiunge quello interno caratterizzato da un governo che assomiglia sempre più ad una dittatura, con le opposizioni messe a tacere, i diritti umani calpestati, e con gli oppositori incarcerati che non hanno altra alternativa se non quella di portare avanti scioperi della fame ad oltranza e spesso mortali, nella vana speranza di vedere riconosciuto il diritto ad un giusto ed equo processo.
La popolazione sembra assopita e anestetizzata, anche a causa del Covid 19 che ha fatto deflagrare tutti i cronici problemi economici e sociali. Le priorità del cittadino turco medio non sono oggi quelle di combattere le iniquità e le ingiustizie, quanto quelle di sfamarsi, di trovare e soprattutto di non perdere il lavoro e cercare di superare questo periodo di crisi.

La scena politica è in mano all’Akp, ma già si notano le crepe che potrebbero portare alla dissoluzione di questo partito-stato: il calo dei consensi, le pressioni esercitate dagli alleati ultra nazionalisti e dai tanti gruppi di potere, in particolare quelli religiosi, fanno intravedere un incrinamento del potere del Presidente, che rimane la punta di diamante del partito.
Proprio Erdoğan vista la diminuzione del consenso popolare sul partito ha cercato di accrescere il proprio prestigio personale portando avanti alcune operazioni sia a livello internazionale che interno.
Tuttavia le prospettive non sono incoraggianti perché l’impegno della Turchia su più fronti e in vari contesti, con un ruolo non secondario, ha costi molto alti sia umani che economici.
L’economia è in ginocchio e l’ultimo espediente per cercare di salvarla, finanziando le imprese con i fondi derivanti dalle pensioni private, non è riuscito a stabilizzare l’inflazione che è galoppante e ad ancorare il valore della moneta che è stata svalutata ed ha perso gran parte del suo valore d’acquisto.

Per quanto tempo ancora la Turchia potrà sostenere tutto ciò?
La nazione sta rischiando un pericoloso avvitamento su sé stessa che potrebbe condurre ad una implosione politica ed economica. Sia ad Ankara e ad Istanbul, negli ambienti dell’opposizione, che in Europa e nelle capitali estere è chiaro che questa situazione è stata determinata dalla dissennata linea politica di una leadership che ha pericolosamente sovraesposto la nazione.
Un rischio che la Turchia potrebbe non essere in grado di reggere. I segnali sono già presenti e in un futuro non troppo lontano potremo sentire parlare di una nuova Turchia, libera da regimi autoritari e ingiustizie.

Emanuela Locci

Fonte: https://www.groi.eu/0YN5n

Lunedì, 14 Settembre 2020 18:33
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

L'incidente avvenuto la scorsa settimana al porto di Beirut non può essere considerato solo un altro disastro come tanti altri che si verificano quotidianamente in Medio Oriente. Non solo per la perdita di vite umane, danni e impatto economico, ma anche per le altre conseguenze a cui porterà l'incidente.

L'incidente è avvenuto in un momento molto particolare e delicato della storia del Libano. Il Paese è in preda a una crisi economica, conseguenza di una politica di isolamento e di sanzioni imposte da attori internazionali, in primis gli Stati Uniti, mirate a prosciugare le risorse finanziarie di Hezbollah. Prima delle esplosioni al porto di questa settimana, il problema più importante per il governo libanese era la crisi economica e il suo potenziale di instabilità sociale e politica. La situazione sul terreno in Libano è stata dominata da un crescente malcontento tra la popolazione a causa della continua mancanza di servizi essenziali e opportunità di sviluppo, insieme a una crescente presunzione di corruzione tra la classe politica.

Lunedì, 10 Agosto 2020 10:08
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...

In Giordania è stato emanato un regio decreto per lo svolgimento di elezioni parlamentari conformemente alle disposizioni di legge. Le fasi finali dei preparativi sono in corso per le nuove elezioni che si terranno il 10 novembre e l'atmosfera giusta deve essere preparata per elezioni di successo. Le elezioni sono una componente fondamentale di qualsiasi processo democratico e i preparativi dovrebbero garantire procedure inclusive per massimizzare la partecipazione tra tutti i gruppi sociali e culturali ed evitare qualsiasi rischio di boicottaggio o campagne che svalutano il processo, e quindi il risultato.

Mercoledì, 05 Agosto 2020 11:44
Published in Medio Oriente
Written by
Read more...
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version