TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Africa

Africa

Il blocco causa coronavirus non ferma gli aerei provenienti dalla Turchia. Nessuno sa cosa trasportino in Libia. Intanto aumentano scontri armati e rischio contagi

Molti Paesi stanno combattendo la propria battaglia contro il Covid-19, virus che nel giro di un paio di mesi ha stravolto le nostre abitudini e fatto soccombere migliaia di persone. Anche i paesi dell’area del Mediterraneo stanno mettendo in campo quanto possono per evitare la catastrofe e scongiurare la morte dei propri cittadini, ma non stanno facendo solo quello.

Giovedì, 02 Aprile 2020 18:38
Published in Africa
Written by
Read more...

Continua su più fronti l’audace linea politica estera della Turchia nel Mediterraneo. Il fronte che più ci interessa è quello dello scacchiere libico che per tante ragioni sta a cuore all’Italia. La Turchia incurante delle decisioni prese alla conferenza di Berlino, ha continuato e continua tutt’ora a fornire di armi l’esercito di Sarraj.

È delle ultime ore la notizia che la polizia italiana ha fermato una nave nel porto di Genova e che il comandante sia stato arrestato perché accusato di traffico internazionale di armi. Un testimone, componente dell’equipaggio, avrebbe fatto verbalizzare che la nave, che secondo i documenti ufficiali doveva trasportare automobili, in realtà durante una parte del suo viaggio ha trasportato e consegnato armi e attrezzatura dalla Turchia alla Libia.

Sabato, 29 Febbraio 2020 23:03
Published in Africa
Written by
Read more...

La Turchia ormai da diversi mesi ha incrementato la sua presenza in Libia, in prima battuta appoggiando il Governo di Accordo Nazionale di Fayez al Sarraj, inviando armamenti e attrezzature militari. Successivamente ha stipulato un accordo con lo stesso governo per lo sfruttamento delle risorse petrolifere nella Zona Economica Esclusiva libica decretando di fatto una presenza economica oltre che militare.

Domenica, 23 Febbraio 2020 22:32
Published in Africa
Written by
Read more...

Ladies and Gentlemen a questo punto il vero problema non è più la Cina ma l’Africa. L’Africa infatti è una vera bomba biologica ad orologeria. L’attenzione oggi è rivolta tutta verso i cinesi ed in generale agli asiatici, ma si sta commettendo un grave errore. La Cina è ormai monitorata e contingentata, il governo ha messo in quarantena 60 MILIONI di persone (come dire l’intera popolazione Italiana), ma la comunicazione tardiva da parte delle autorità Cinesi in merito al virus, ha di fatto permesso a questo di potersi diffondere a livello globale, generando un principio di pandemia. Il peggio deve ancora arrivare e non arriverà dalla Cina ma dall’Africa.

Giovedì, 13 Febbraio 2020 15:45
Published in Africa
Written by
Read more...

PIU' ANTICIPAZIONI DI TESORERIA PIUTTOSTO CHE CREDITI AD INVESTIMENTI E CONSUMO

L’ultimo rapporto sul settore bancario pubblicato dalla Banca Centrale, relativo all’anno 2018, rivela una attività bancaria ottimale nell’unione monetaria. Un settore quindi in piena espansione nell’insieme anche se sono da apportare notevoli miglioramenti ai servizi specialmente referenti al finanziamento ad imprese e consumi.  

Venerdì, 06 Settembre 2019 18:40
Published in Africa
Written by
Read more...

Le posizioni di Italia e Francia sulla crisi libica sono ancora distanti: mentre Roma ha pubblicamente preso le distanze dalla campagna militare di Haftar già dal 2014, Parigi non ha esitato a sostenere il feldmaresciallo negli scorsi anni. 

Domenica, 14 Aprile 2019 18:13
Published in Africa
Written by
Read more...

Sono trascorsi 25 anni dal genocidio in Ruanda: 100 giorni di follia - tra il 7 aprile e il 4 luglio 1994 - durante i quali 800 mila ruandesi (ma le stime sulle vittime variano tra 500 mila e 1 milione), furono massacrati a colpi di machete, bastoni chiodati, asce, coltelli e armi da fuoco. Uno degli eventi più sanguinosi della fine del secolo scorso, uno sterminio scatenato dall'odio interetnico tra Hutu e Tutsi, che la comunità internazionale non è stata in grado di fermare in tempo.

La sera del 6 aprile 1994, alle 20.30, gli abitanti di Kigali erano incollati al televisore per una partita di calcio, quando furono scossi da un boato tremendo. L'aereo con a bordo il presidente ruandese Juvela Habyarimana e l'omologo burundese Cyprien Ntariamira, era esploso in volo, dopo essere stato colpito da un missile terra-aria, a pochi minuti dall'atterraggio nella capitale del Ruanda. I due leader, entrambi Hutu, ritornavano dalla vicina Tanzania dove avevano appena firmato un trattato di pace con i ribelli Tutsi del Fronte Patriottico Ruandese (Fpr). L'attentato fu il segnale: da lì a poche ore nel piccolo Paese delle Mille colline si scatenò un inferno, costato la vita a centinaia di migliaia di Tutsi e Hutu moderati. Secondo le stime governative le vittime furono 1.074.017: 10.000 morti al giorno, 400 ogni ora, 7 al minuto. 

Domenica, 07 Aprile 2019 11:30
Published in Africa
Written by
Read more...

Non solo problemi e povertà. In Africa ci possono anche essere sviluppo e stabilità democratica. Per esempio in Ghana, paese fuori dalla Françafrique.

Mercoledì, 03 Aprile 2019 16:08
Published in Africa
Written by
Read more...

Il contesto di sicurezza somalo non accenna a migliorare, infatti non si fermano gli attacchi soprat-tutto nella capitale Mogadiscio, dove i militanti di Al-Shabaab mantengono le capacità di condurre azioni terroristiche anche su larga scala

Venerdì, 07 Settembre 2018 14:20
Published in Africa
Written by
Read more...

Gli islamisti stanno ormai occupando la Nigeria ne vogliono fare il trampolino di lancio per raggiungere i paesi più piccoli fini a creare una enclave africana dell’ Islam integralista questo giustifica i continui attentati verso i cristiani.

E ‘ il primo passo verso la creazione di un serbatoio di attivisti radicalizzati in grado di raggiungere con continuità l’Europa.

Giovedì, 03 Maggio 2018 20:13
Published in Africa
Written by
Read more...
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version