Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Mario Neri

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

Website URL:

FROM RUSSIA WITH LOVE

Mercoledì, 28 Febbraio 2024 18:08 Published in Asia & Pacifico

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha ricevuto in dono un'auto dal presidente russo Vladimir Putin "per suo uso personale", hanno riferito i media ufficiali il 20 febbraio, in quella che potrebbe essere una violazione del divieto delle Nazioni Unite che Mosca aveva accettato di adottare contro Pyongyang. Vladimir Putin ha regalato a Kim Jong-Un una lussuosa limousine russa Aurus perché al leader nordcoreano piaceva molto quell’auto. Il regalo arriva dopo che Kim si è recato in Russia a settembre per incontrare Putin. Durante quella visita, Kim è stato portato a fare un giro sul veicolo ufficiale di Putin l’Aurus, Kim sedeva accanto a Putin in macchina al cosmodromo di Vostochny e sembrava divertirsi. Putin gliel'ha mostrata personalmente. Così ha riferito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov quando gli è stato chiesto informazioni circa il regalo. L’incontro di settembre è stato un punto chiave nelle relazioni nordcoreane-russe. Sia Putin che Kim si trovano ad affrontare l’isolamento dall’Occidente. “La Corea del Nord è il nostro vicino, il nostro vicino più stretto, e intendiamo, e continueremo, a sviluppare le nostre relazioni con tutti i vicini, compresa la Corea del Nord”.

David and Goliath

Venerdì, 23 Febbraio 2024 21:24 Published in Europa

Nella Bibbia, Davide uccise Golia in un unico incontro. Ma in una guerra lunga, per Davide è impossibile sconfiggere Golia. La Russia ha attaccato l’Ucraina il 24 febbraio 2022, con Putin che chiedeva la “smilitarizzazione e denazificazione” dell’Ucraina, dando inizio alla più grande guerra in Europa dal 1945. Lo sforzo iniziale della Russia di catturare Kiev è per ora fallito, ma le linee del fronte sono rimaste relativamente statiche dal 2023 nonostante i primi successi dell’Ucraina. Zelenskyj rimane popolare, anche se non tanto quanto prima. Kiev ha chiarito che non ci saranno elezioni in tempo di guerra e legge marziale, dato che gran parte della popolazione è sfollata, si parla di 20 milioni, e gran parte del territorio ucraino è sotto occupazione.

JULIAN

Mercoledì, 21 Febbraio 2024 12:57 Published in America

Assange si sta avvicinando alla fine del suo ultimo appello contro la sua stessa estradizione negli Stati Uniti. Gli avvocati del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, tenteranno martedì e mercoledì il 20 e il 21 febbraio un ultimo tentativo per impedire la sua estradizione negli Stati Uniti, dove, se giudicato colpevole, potrebbe essere condannato all'ergastolo. In un'udienza di due giorni che si concluderà mercoledì, due giudici dell'Alta Corte del Regno Unito, vale a dire Victoria Sharp e il giudice Johnson, ascolteranno il suo appello finale contro l’estradizione negli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, Assange, 52 anni, deve affrontare accuse ai sensi dell'Espionage Act del 1917. Un’udienza di due giorni presso l’Alta Corte valuterà se ad Assange può essere concesso il permesso di ricorrere contro una decisione di estradizione presa nel 2022 dall’allora ministro degli Interni del Regno Unito Priti Patel. Se la decisione del tribunale va contro Assange, dovrà essere estradato entro 28 giorni. Tuttavia, si prevede che il suo team legale ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

STAND BESIDE ME

Martedì, 20 Febbraio 2024 14:15 Published in Asia & Pacifico

Yulia Navalnaya, la First Lady” dell'opposizione russa nata Yulia Ambrosimova a Mosca nel 1976, è figlia di uno scienziato, Boris Ambrosimov, non ha mai cercato i riflettori. Ma da quando Alexei è morto venerdì in una colonia carceraria, lei è intervenuta, annunciando che avrebbe “continuato il lavoro di Alexei Navalny. Per continuare a lottare per il nostro Paese. ha incolpato il presidente Vladimir V. Putin della morte di Alexei e ha annunciato che avrebbe sostenuto la causa del marito, invitando i russi a unirsi a lei. E rivolgendosi al marito oltre che al popolo russo” vi invito a stare accanto a me”. “Uccidendo Aleksei, “Putin ha ucciso metà di me, metà del mio cuore e metà della mia anima”, ha detto la signora Navalnaya in un breve discorso preregistrato pubblicato sui social media. “Ma mi resta un’altra metà – e questa mi dice che non ho il diritto di arrendermi”. "Il politico Aleksei Navalny è sempre stato in realtà due persone: Yulia e Aleksei", ha detto Yevgenia Albats, un'eminente giornalista russa ora all'Università di Harvard. Alti, attraenti e con un forte legame molto evidente in pubblico, "sembravano sempre una coppia di Hollywood", ha detto Mikhail Zygar, giornalista e storico russo.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version