Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Mario Neri

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

Website URL:

The Philosopher

Domenica, 23 Aprile 2023 13:34 Published in Asia & Pacifico

La NATO, acronimo di Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, è la più grande alleanza militare del mondo. È stata fondata nel 1949 da 12 Stati membri - Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti - con l'obiettivo di frenare l'espansione sovietica e incoraggiare l'integrazione politica in Europa. Tra il 1950 e il 1999, altri sette paesi - Grecia, Turchia, Germania Ovest, Spagna, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia - hanno aderito all'alleanza. L'espansione è continuata nel 2004 quando sette stati dell'Europa orientale – Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia – si sono uniti al blocco militare. Di questi, tutti tranne la Slovenia facevano parte del Patto di Varsavia, un trattato di difesa creato nel 1955 tra l'Unione Sovietica e sette stati satelliti. Oggi la NATO comprende 31 nazioni. Solo 5 membri dell'Unione Europea (UE) non sono membri della NATO: Austria, Cipro, Irlanda, Malta e Svezia.

SHADOW FLEET

Lunedì, 20 Marzo 2023 11:53 Published in Asia & Pacifico

Quante navi ci sono nella "flotta fantasma" di petroliere russe? Nessuno ha le idee chiare a proposito: le stime vanno dalle 100 alle 600 petroliere. La flotta nazionale russa non ha abbastanza navi. È qui che entra in gioco la "flotta ombra". Le cosiddette navi fantasma sono navi che mascherano la loro proprietà e i loro movimenti al fine di facilitare la violazione delle sanzioni. La Russia ha costruito questa flotta in previsione del doppio colpo che Stati Uniti e UE hanno inferto alle sue esportazioni di petrolio. Il pacchetto di sanzioni dell'UE vieta le importazioni di petrolio russo via mare. Il price cap guidato dagli Stati Uniti limita il petrolio russo a un prezzo massimo di 60 dollari al barile. Le navi battenti bandiera UE non possono più trasportare greggio russo.La Russia ha speso un totale di 2,2 miliardi di dollari per assemblare la flotta, di cui 850 milioni sono stati spesi nell'ultimo anno per espandere la cosiddetta shadow fleet”. Se la flotta è davvero composta da 600 navi, allora potrebbe essere sufficiente per trasportare tutte le esportazioni di petrolio della Russia verso "paesi amici", poiché gli esperti stimano che abbia bisogno di circa 240 petroliere per il suo commercio di esportazione di petrolio via mare.

THIRD GREAT PATRIOTIC WAR

Martedì, 14 Marzo 2023 11:02 Published in Europa

La domanda che tutti si pongono: quando finirà la guerra in Ucraina? "Le guerre in genere tendono a durare più a lungo di quanto le persone si aspettino o sperino, ma soprattutto i conflitti interstatali di questa portata", ha detto Michael Kofman, direttore del programma di ricerca di studi sulla Russia presso il Centro per le analisi navali di Washington, “ci aspettiamo altri anni di combattimento è la storia ci dice che le guerre che durano così a lungo... è probabile che si protraggano, durando diversi anni".All'inizio della guerra, una foto divenne popolare. Si trattava di un cartellone di un poster filo-ucraino che diceva: “Se la Russia smette di combattere, non ci sarà più la guerra. Se l'Ucraina smette di combattere, non ci sarà più l'Ucraina". Secondo le stime della Banca mondiale, l'economia ucraina si è contratta del 35% nel 2022 e si prevede che ben il 60% degli ucraini finirà al di sotto della soglia di povertà. La massiccia distruzione di risorse industriali e pesanti combattimenti hanno prodotto livelli disastrosi di inquinamento dell'aria, del suolo e dell'acqua, nonché danni agli ecosistemi e perdita di biodiversità. 

MOLDOVA IS NEXT

Lunedì, 06 Marzo 2023 19:46 Published in Europa

Sembrerebbe che il tamburo dell'ostilità russa nei confronti della Moldavia sia iniziato da tempo. Caterina II di Russia, il più grande costruttore di imperi della Russia disse, "l'unico modo che ho per difendere le mie frontiere è espanderleIl 13 febbraio scorso il segretario della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che l'alleanza discuterà di un aumento degli aiuti alla Moldavia per far fronte alla minaccia russa. Il presidente della Moldavia, Maia Sandu, ha accusato la Russia di utilizzare "sabotatori" travestiti da civili per alimentare disordini. Putin si rifiuta di accettare che i paesi della regione che erano sotto il controllo di Mosca abbiano il diritto di determinare il proprio futuro e ha quindi deciso di espandersi. La Moldavia non è un paese grande, né ricco, né un alleato formale degli Stati Uniti, ma è un paese importante. Stretti tra Ucraina e Romania, i moldavi nel 2020 hanno eletto un presidente filo-occidentale, Maia Sandu, per sostituire il suo predecessore filo-russo, Igor Dodon. Dopo anni di massiccia corruzione e leader filo-russi, la Moldavia ha finalmente avuto la possibilità di guardare all'Occidente al fine di delineare il suo futuro. Gli eventi in Moldavia si stanno deteriorando da tempo, in gran parte a causa delle azioni del Cremlino. Oltre all'afflusso di 700.000 rifugiati ucraini, la Moldavia ha dovuto fare i conti con l'interruzione delle esportazioni russe di petrolio ed elettricità. Questi sviluppi hanno innescato un collasso dell'economia e un'inflazione del 30% che ha devastato la propria economia proprio mentre il governo stava cercando di far passare riforme ispirate all'UE che gli consentissero di essere in ordine per i colloqui di adesione all'UE. 

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version