Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

AMMAN — L'hosting pubblico di un funzionario israeliano da parte del re giordano Abdullah II mercoledì ad Amman, dicono gli osservatori, fa parte di un significativo ripristino dei legami tra i due storici partner di pace. È stato il primo incontro pubblico di questo tipo in più di quattro anni dopo che la Giordania è stata vista messa da parte dalle amministrazioni degli ex Stati Uniti Il presidente Donald Trump e l'ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Il raro incontro pubblico ha visto il re giordano Abdullah II e il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz parlare della sicurezza regionale e del miglioramento dei legami che erano diventati tesi negli ultimi anni.

Published in Medio Oriente

La scorsa settimana, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha incontrato il re Abdullah II ad Amman. Mentre molti rapporti hanno confermato che c'è stata una precedente riunione segreta lo scorso febbraio, l'incontro della scorsa settimana è arrivato con una dichiarazione ufficiale che delineava che si trattava di una discussione sulla sicurezza e sulle preoccupazioni diplomatiche. Includeva discussioni sulla stabilità nei Territori palestinesi e la possibilità di rilanciare il processo di pace basato sulla soluzione dei due Stati.

La visita pubblica di un funzionario israeliano è un punto di svolta nei legami israeliani giordani. Può anche essere visto come parte di un nuovo approccio dalla Giordania nell'era post-Netanyahu e Gantz è il canale principale. Entrambe le parti hanno recentemente lavorato per migliorare le relazioni. Lo scorso agosto si è svolto un incontro pubblico sul ponte Allenby tra i ministri degli esteri israeliano e giordano.

Published in Medio Oriente

Negli ultimi mesi, la Giordania ha assistito a tentativi di aprire la strada a riforme politiche che mirano a includere gruppi più ampi nel processo politico. Il lavoro del Comitato Reale per la Modernizzazione del Sistema Politico si è concentrato su due temi principali, i partiti politici e le leggi elettorali. A livello nazionale, c'è bisogno di favorire un sentimento positivo e contenere la crescente negatività tra le persone. Ciò non può avvenire senza una strategia globale che abbia una visione, un approccio, degli obiettivi chiari e, soprattutto, che debba lavorare in completa armonia dall'interno del sistema.

Questa negatività dominante non si limita alla Giordania, ma di fatto si riflette nelle relazioni tra i cittadini e l'establishment politico in molti paesi del mondo odierno. È indubbiamente molto difficile creare percezioni positive o ridare speranza, fiducia nel sistema e soprattutto fiducia. D'altra parte, sarà impossibile creare un'atmosfera positiva senza garantire i diritti umani e le libertà, nonché generare speranza per una vita dignitosa per le persone. In quanto tale è importante anche comprendere che è necessario creare una percezione positiva tra le persone e dissipare i sentimenti di emarginazione ed esclusione di cui oggi molti soffrono.

Published in Medio Oriente

La sfida principale che la Giordania deve affrontare oggi è come coinvolgere nuovamente i suoi giovani, affinché si sentano parte di questo Paese, rendendoli protagonisti del cambiamento e dello sviluppo piuttosto che antagonisti della società. Sebbene ci siano stati alcuni tentativi per affrontare questo problema in corso, è altamente improbabile che si risolva se le stesse persone continuano con lo stesso approccio, narrazioni e mancanza di visione che attualmente domina la scena politica.

In effetti, uno dei fattori critici alla base della questione è l'isolamento politico sentito tra i giovani in Giordania. I giovani giordani devono essere più coinvolti nel processo politico e rompere l'esclusività del controllo tra i pochi al potere. Negli ultimi anni, i livelli di istruzione sono aumentati, il che ha portato a un coinvolgimento con questioni e movimenti politici tra i giovani in Giordania. Ora si sono sviluppati e hanno imparato e cercano libertà di espressione, libertà, rispetto per una diversità di visioni politiche. Dobbiamo trovare il modo di rispettare queste idee per evitare che un clima negativo domini la scena politica ed evitare un nuovo capitolo di fermento da manifestazioni e magari scontri con le istituzioni.

Published in Medio Oriente

A tre mesi dal completo ritiro degli Stati Uniti dall’ Afganistan appare sempre più evidente L’ influenza del Pakistan nel ritorno al potere dei talebani.

Senza l’ aiuto dei Servizi Segreti pakistani i talebani non sarebbero mai riusciti a riprendere il controllo di gran parte del territorio afgano in dieci giorni, tutto questo è potuto accadere grazie al supporto logistico e formativo che i servizi militari del Pakistan hanno fornito con costanza e specificità agli insorgenti.

D’ altra parte la struttura operativa e di comando talebana era basata a Quetta ed a Peshawar , città pakistane poste al confine afgano, logico , quindi , affermare che il Pakistan da anni manipola e tenta di calibrare gli equilibri regionali a proprio vantaggio.

Published in Medio Oriente

Iniziate iniziative di riavvicinamento di alcuni Paesi arabi verso la Siria. Sebbene la visita del ministro degli Esteri degli Emirati a Damasco non sia stata una sorpresa poiché gli Emirati sono sempre stati favorevoli al ricongiungimento con la Siria, è comunque un'importante dimostrazione del potenziale per Damasco di tornare alla Lega araba.

La posizione degli Emirati sulla Siria ha preso una svolta radicale quando il paese del Golfo ha preso posizioni forti contro i gruppi islamici che hanno preso il potere in alcuni paesi arabi durante la primavera araba. Il conflitto tra Emirati Arabi Uniti e Turchia ha spinto anche Abu Dhabi a cambiare posizione in base alla regola; Il nemico del mio nemico è mio amico.

Molti degli ostacoli all'inclusione della Siria sono cambiati. Non c'è un chiaro veto da parte dell'Arabia Saudita, che è la posizione critica sia a livello del Golfo che a livello arabo. Sebbene la posizione degli Stati Uniti sia ancora poco chiara, ma non vi è nemmeno un chiaro veto, nonostante le sanzioni nel Caesar Syria Civilian Protection Act, la riconciliazione politica è difficile. L'assenza di una chiara iniziativa degli Stati Uniti nei confronti della Siria incoraggerà i paesi a iniziare a prendere provvedimenti, alcuni potrebbero persino pensare che così facendo gli Stati Uniti saranno obbligati ad accettare questi passi.

Published in Medio Oriente

Il dibattito sull'identità nazionale in Giordania in questo momento è importante, in particolare in un momento di cambiamento o riforma politica. È anche importante perché richiede una maggiore comprensione di ciò che le persone stanno cercando, in particolare dopo anni di privazione delle persone dall'attingere al loro passato e al ricco patrimonio culturale che può informare e plasmare un'identità culturale e nazionale in futuro.

Questo dibattito non dovrebbe essere politicizzato in quanto potrebbe diventare l'innesco di divisioni sociali, frammentazione e conflitto. È anche perché senza un progetto e una visione nazionali chiari c'è il rischio di un conflitto all'interno della società poiché alcuni gruppi dirottano l'identità nazionale con la loro visione del paese che difficilmente sarà inclusiva e accettata dalla maggior parte.

Nella nostra regione, l'errore di affidarsi alla religione come fonte di legittimità per molti sistemi politici ha creato generazioni che non si impegnano con l'identità nazionale. Questo risale alla fine della seconda guerra mondiale, ma è stato rafforzato dalla sconfitta araba nel 1967. L'identità religiosa in questa regione non considera i confini né riconosce le nazioni, basandosi invece sul concetto di Al Umma che copre tutte le nazioni e tutti i popoli. Di fronte a ciò, è estremamente difficile costruire un'identità nazionale solo per i giordani.

Published in Medio Oriente

30 anni di indipendenza dell’Azerbaigian

Martedì, 26 Ottobre 2021 22:49

Su iniziativa del Senatore Stefano Lucidi Presidente del gruppo interparlamentare di amicizia Italia Arzebaigian lo scorso 21 ottobre si è svolta presso il Senato della Repubblica, sala Caduti di Nassirya, la conferenza stampa sul tema "La Repubblica dell’ Arzerbaigian a 30 anni dal ripristino dell’indipendenza".

Il senatore Lucidi nel suo intervento introduttivo ha sottolineato come l’Azerbaigian debba essere considerato un modello nella gestione della propria indipendenza, ricordando l’ottima politica estera attuata che ha visto l’Italia come partner privilegiato.

I due paesi sono, infatti, complementari, ha proseguito Lucidi, e con la nuova area di libero scambio le prospettive di sviluppo comune sono enormi, la parola chiave è diversificare.

Il Senatore ha poi introdotto un cortometraggio prodotto dall’Ambasciata dell’Azerbaigian d’Italia, video significativo che ha destato notevole interesse aprendo una finestra sulle possibilità di crescita del paese.

Published in Italia

Il 21-22 ottobre 2021, l'ufficio Konrad-Adenauer-Stiftung di Amman e il Centro per gli studi strategici dell'Università della Giordania hanno organizzato un seminario chiuso di esperti ad Amman, affrontando: "Il nuovo Levante", discutendo motivazioni, implicazioni e traiettorie future della cooperazione tra Giordania, Iraq ed Egitto.

Cercando di rispondere a come questo progetto potrebbe influenzare la scena geopolitica regionale, è importante non dimenticare che i cambiamenti in corso nelle priorità del Medio Oriente nell'ultimo decennio sono piuttosto allarmanti. La regione è passata dalla democrazia forzata alle rivoluzioni per la democrazia e la libertà e infine verso l'unica priorità della lotta al terrorismo. Allo stesso modo, l'imposizione ideologica della democrazia e della libertà si è sviluppata in puro pragmatismo economico. Pertanto, la determinazione a migliorare l'economia rappresenta il motivo fattuale dietro l'attivazione di progetti politici transfrontalieri.

Published in Medio Oriente

Israele porta la lotta ai confini dell'Iran

Sabato, 23 Ottobre 2021 06:05

L'escalation tra Iran e Azerbaigian è aumentata rapidamente dallo scorso settembre, quando le forze di sicurezza dell'Azerbaigian hanno arrestato due camionisti iraniani accusati di essere entrati illegalmente nel paese dall'Armenia. A ciò sono seguite esercitazioni militari iraniane vicino al confine con l'Azerbaigian, tra cui droni, elicotteri e unità di artiglieria corazzata.

Mentre in superficie la tensione è stata innescata dall'arresto dei camionisti, è chiaro che i problemi di fondo si basano sui profondi legami dell'Azerbaigian con Israele, in particolare sulla loro cooperazione militare, che l'Iran considera una minaccia alla sua sicurezza nazionale.

Il leader supremo dell'Iran Ali Khamenei lo ha evidenziato quando ha affermato che i paesi della regione non devono consentire alle forze straniere di intromettersi o avere una presenza, in riferimento al divieto dell'Azerbaigian dei loro aerei militari dallo spazio aereo iraniano che ha portato al ritiro di Ojag Nejat, il leader supremo dell'Iran. rappresentante a Baku.

Published in Medio Oriente
Pagina 1 di 29
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version