Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Sempre più spesso gli Stati si comportano riflettendo il momento storico: Lasciato alle spalle il dualismo del passato – i due blocchi della Guerra fredda – si procede spediti verso un periodo in cui tutti cercano di prevalere sugli altri loro antagonisti

di Emanuela Locci (*) – La Turchia fa parlare di sé, sia in relazione alle dispute internazionali che la vedono contrapposta a paesi come la Grecia, la Francia e gli Emirati Arabi Uniti, per la questione relativa alla ricerca e allo sfruttamento delle fonti energetiche presenti nel Mediterraneo Orientale, sia per le questioni di politica interna che vedono un progressivo indebolimento, almeno secondo gli ultimi sondaggi, del partito al potere, l’Akp, guidato dal presidente della repubblica Erdogan.

Published in Medio Oriente

Da mesi la Turchia sta vivendo un’escalation del potere del Presidente Recep Tayyip Erdoğan e del suo partito l’Akp che regge le sorti del paese da quasi un ventennio.

La girandola di avvenimenti che stanno interessando la Turchia è impressionante: dalla Libia alla Siria, alla contesa sulle fonti energetiche del Mediterraneo orientale, che la vedono contrapposta in particolare alla Grecia, paese con cui Ankara non ha mai avuto buoni rapporti.
Si è inasprito negli ultimi giorni anche il confronto con la Francia, che ha dei forti interessi nella zona e intende difenderli e con gli Emirati Arabi Uniti, che in questo frangente, hanno appoggiato immediatamente la Grecia con l’invio di arerei in supporto delle forze aeronavali elleniche.

L’audace e spregiudicata politica estera, e l’accrescimento della sua influenza in paesi geograficamente lontani, come quelli africani, ma strategici, ha messo in allarme molte diplomazie, da quelle europee a quelle del mondo arabo che mal tollerano la presenza turca in numerosi scenari strategici internazionali.
Il caso più evidente è quello della Libia, dove la Turchia ha per il momento scalzato l’Italia e la Francia e in questo momento sta svolgendo un ruolo primario per la risoluzione almeno temporanea della guerra civile in corso da anni.

Militari turchi in Libia

Al quadro internazionale si aggiunge quello interno caratterizzato da un governo che assomiglia sempre più ad una dittatura, con le opposizioni messe a tacere, i diritti umani calpestati, e con gli oppositori incarcerati che non hanno altra alternativa se non quella di portare avanti scioperi della fame ad oltranza e spesso mortali, nella vana speranza di vedere riconosciuto il diritto ad un giusto ed equo processo.
La popolazione sembra assopita e anestetizzata, anche a causa del Covid 19 che ha fatto deflagrare tutti i cronici problemi economici e sociali. Le priorità del cittadino turco medio non sono oggi quelle di combattere le iniquità e le ingiustizie, quanto quelle di sfamarsi, di trovare e soprattutto di non perdere il lavoro e cercare di superare questo periodo di crisi.

La scena politica è in mano all’Akp, ma già si notano le crepe che potrebbero portare alla dissoluzione di questo partito-stato: il calo dei consensi, le pressioni esercitate dagli alleati ultra nazionalisti e dai tanti gruppi di potere, in particolare quelli religiosi, fanno intravedere un incrinamento del potere del Presidente, che rimane la punta di diamante del partito.
Proprio Erdoğan vista la diminuzione del consenso popolare sul partito ha cercato di accrescere il proprio prestigio personale portando avanti alcune operazioni sia a livello internazionale che interno.
Tuttavia le prospettive non sono incoraggianti perché l’impegno della Turchia su più fronti e in vari contesti, con un ruolo non secondario, ha costi molto alti sia umani che economici.
L’economia è in ginocchio e l’ultimo espediente per cercare di salvarla, finanziando le imprese con i fondi derivanti dalle pensioni private, non è riuscito a stabilizzare l’inflazione che è galoppante e ad ancorare il valore della moneta che è stata svalutata ed ha perso gran parte del suo valore d’acquisto.

Per quanto tempo ancora la Turchia potrà sostenere tutto ciò?
La nazione sta rischiando un pericoloso avvitamento su sé stessa che potrebbe condurre ad una implosione politica ed economica. Sia ad Ankara e ad Istanbul, negli ambienti dell’opposizione, che in Europa e nelle capitali estere è chiaro che questa situazione è stata determinata dalla dissennata linea politica di una leadership che ha pericolosamente sovraesposto la nazione.
Un rischio che la Turchia potrebbe non essere in grado di reggere. I segnali sono già presenti e in un futuro non troppo lontano potremo sentire parlare di una nuova Turchia, libera da regimi autoritari e ingiustizie.

Emanuela Locci

Fonte: https://www.groi.eu/0YN5n

Published in Medio Oriente

L'incidente avvenuto la scorsa settimana al porto di Beirut non può essere considerato solo un altro disastro come tanti altri che si verificano quotidianamente in Medio Oriente. Non solo per la perdita di vite umane, danni e impatto economico, ma anche per le altre conseguenze a cui porterà l'incidente.

L'incidente è avvenuto in un momento molto particolare e delicato della storia del Libano. Il Paese è in preda a una crisi economica, conseguenza di una politica di isolamento e di sanzioni imposte da attori internazionali, in primis gli Stati Uniti, mirate a prosciugare le risorse finanziarie di Hezbollah. Prima delle esplosioni al porto di questa settimana, il problema più importante per il governo libanese era la crisi economica e il suo potenziale di instabilità sociale e politica. La situazione sul terreno in Libano è stata dominata da un crescente malcontento tra la popolazione a causa della continua mancanza di servizi essenziali e opportunità di sviluppo, insieme a una crescente presunzione di corruzione tra la classe politica.

Published in Medio Oriente

I passi per garantire elezioni di successo

Mercoledì, 05 Agosto 2020 11:44

In Giordania è stato emanato un regio decreto per lo svolgimento di elezioni parlamentari conformemente alle disposizioni di legge. Le fasi finali dei preparativi sono in corso per le nuove elezioni che si terranno il 10 novembre e l'atmosfera giusta deve essere preparata per elezioni di successo. Le elezioni sono una componente fondamentale di qualsiasi processo democratico e i preparativi dovrebbero garantire procedure inclusive per massimizzare la partecipazione tra tutti i gruppi sociali e culturali ed evitare qualsiasi rischio di boicottaggio o campagne che svalutano il processo, e quindi il risultato.

Published in Medio Oriente

La politica globale sta cambiando e le dinamiche tradizionali in atto dalla seconda guerra mondiale stanno cambiando. Molti paesi, specialmente in Medio Oriente, hanno costruito le loro politiche sulla divisione tra Oriente e Occidente e la loro politica estera e la partecipazione alle alleanze si sono effettivamente basate su questo conflitto ideologico. Negli ultimi anni abbiamo assistito all'evoluzione della guerra al terrorismo che ha influito su questi pilastri tradizionali e le alleanze stanno diventando sempre più basate su vantaggi economici e reciproci.

Published in Medio Oriente

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Domenica, 19 Luglio 2020 21:24

I recenti sviluppi nel sud della Siria dimostrano la crescente minaccia dei gruppi terroristici e criminali nell'area e la necessità di prestare maggiore attenzione all'evolversi della situazione. Questo è un rischio crescente di instabilità proprio ai confini della Giordania e sta aumentando la minaccia alla sicurezza nelle sue principali città. L'instabilità non è semplicemente il risultato di minacce alla sicurezza, ma anche le difficoltà economiche che le persone vivono e l'apparente mancanza di politiche o strategie per misure preventive per gestire il rischio.

Published in Medio Oriente

La potenziale instabilità ai confini è un rischio critico per tutti i paesi, specialmente in Medio Oriente. Ciò è particolarmente vero per la Giordania, dove il rischio è elevato da molti anni e le minacce alla sicurezza al confine come l'illegalità e la lotta creano un terreno fertile per la criminalità e il terrorismo. Questo tipo di instabilità unita a difficoltà economiche potrebbe anche portare a un aumento significativo del numero di locali che si uniscono a gruppi terroristici.

Published in Medio Oriente

Negli ultimi anni, si è verificata un'escalation della tensione diplomatica e politica tra Giordania e Israele che non riflette il trattato di pace esistente, né il livello di cooperazione in materia di sicurezza esistente tra le due parti. Dalle controversie all'UNESCO alle recenti questioni relative alla prevista annessione della Cisgiordania da parte di Israele, a cui la Giordania si oppone in modo aggressivo, la crescente tensione pone la questione se Giordania e Israele siano sulla strada dello scontro diretto.

È importante essere realistici, dato che si tratta di due paesi che condividono problemi di sicurezza e un lungo confine, in particolare nel contesto degli investimenti della Giordania nelle questioni politiche, sociali e demografiche della Cisgiordania. Dato che entrambi i paesi stanno adottando un approccio "senza compromessi", una situazione di stallo politico era inevitabile, ma ci sono opzioni alternative che non portano allo scontro, ma creano anche opportunità per entrambi gli stati di capitalizzare.

Published in Medio Oriente

Le sfide in Medio Oriente continuano mentre la regione sembra affrontare una nuova ondata di destabilizzazione da Libano, Siria, Iraq e Cisgiordania.

La crisi politica libanese sembra intensificarsi man mano che la crisi economica si fa più acuta. Ciò sta portando alla riemersione di domande sul concetto di equilibrio politico finemente equilibrato dello stato e sulla sua idoneità allo scopo nel nuovo panorama regionale e globale. Alcuni suggerimenti suggeriscono la necessità di nuovi attori politici e potenziali strutture per far fronte alle sfide poste dall'ambiente post-COVID.

Published in Medio Oriente

Mentre il mondo si è concentrato sulla gestione di COVID-19 e le risorse dell'apparato di sicurezza hanno affrontato l'epidemia, trasformando le istituzioni in modo da applicare restrizioni e mantenere le distanze sociali, le minacce alla sicurezza più tradizionali hanno operato con meno pressione e in crescita. Tracciare i segni delle attività terroristiche negli ultimi mesi suggerisce che continuano a operare in tutta la regione, dalla Somalia alla Siria, dalla Libia all'Iraq, all'Egitto, allo Yemen, all'Afghanistan e in tutta l'Asia centrale.

Published in Medio Oriente
Pagina 1 di 26
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version