Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Mario Neri

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

Website URL:

NO ESCALATION

Martedì, 16 Aprile 2024 19:20 Published in Medio Oriente

I massimi comandanti iraniani hanno avvertito Israele che il paese si troverebbe ad affrontare un attacco più grande se dovesse reagire agli attacchi notturni di droni e missili. "La nostra risposta sarà molto più ampia dell'azione militare di stasera (sabato scorso) se Israele reagirà contro l'Iran", ha detto alla TV di stato il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, il maggiore generale Mohammad Bagheri. “Se il regime sionista (Israele) o i suoi sostenitori dimostrassero un comportamento sconsiderato, riceverebbero una risposta decisiva e molto più forte”, ha detto in una nota il presidente iraniano Ebrahim Raisi. Il comandante del Corpo d’élite delle Guardie rivoluzionarie islamiche, Hossein Salami, ha anche avvertito che Teheran reagirà contro qualsiasi attacco israeliano. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha dichiarato domenica in un incontro con gli ambasciatori stranieri a Teheran che il suo Paese ha informato gli Stati Uniti che i suoi attacchi contro Israele saranno “limitati” e per autodifesa. Nel frattempo, il gruppo terroristico Hamas è intervenuto in difesa di Teheran dopo l’attacco. “Noi di Hamas consideriamo l'operazione militare condotta dalla Repubblica islamica dell'Iran un diritto naturale e una meritata risposta al crimine di aver preso di mira il consolato iraniano a Damasco e all'assassinio di diversi leader delle Guardie rivoluzionarie", ha detto il gruppo palestinese in una nota. Israele è impegnato in una guerra, giunta al suo settimo mese, con Hamas dopo che il gruppo terroristico di Gaza ha ucciso quasi 1.200 persone e ne ha rapite 253 nell’assalto del 7 ottobre. Israele ha riportato danni modesti e ha riaperto il suo spazio aereo dopo che l’Iran ha lanciato una grande ondata di circa 500 droni e missili nel primo attacco diretto contro lo stato ebraico da parte della repubblica islamica. L’attacco missilistico dell’Iran contro Israele è terminato, per ora, e praticamente nessuno dei missili ha raggiunto i propri obiettivi. Gli attacchi iraniani hanno causato lievi danni in una base militare e delle schegge hanno ferito gravemente una bambina di 7 anni di una comunità araba beduina nel sud di Israele. Israele ha intercettato la maggior parte dei droni e dei missili. Anche gli Stati Uniti, Francia e la Giordania ne hanno abbattuti alcuni. La grande domanda è se il conflitto tra i due paesi tornerà ora alla situazione precedente, una guerra ombra di lunga durata, o entrerà in una nuova fase più pericolosa.

W. W.

Venerdì, 12 Aprile 2024 19:08 Published in Europa

L’Ucraina è un campo di battaglia e anche un tavolo di trattative. Un’area di disputa dello “scontro di civiltà” predetto da Samuel Huntington nel vicino ma lontano 1996. L’Ucraina è dove tutto finisce e inizia. È qui che finisce l’eurasiatismo (il sogno di un’Europa da Lisbona a Vladivostok) ed è dove inizia il nuovo capitolo del perpetuum bellum tra Nord America e Russia. Ed è soprattutto un teatro chiave delle operazioni della “Terza World War a pezzi”.

CITIZEN ARMY

Martedì, 26 Marzo 2024 19:48 Published in Europa

È davvero incredibile che un continente, che per gran parte della sua storia moderna è stato coinvolto in guerre intestine, ora sembri essere una delle regioni più stabili del mondo. Dalla fine della seconda guerra mondiale in Europa non si sono più combattute guerre. Questo se si escludono le guerre balcaniche degli anni ’90. la scorsa settimana L'ammiraglio Rob Bauer, presidente del comitato militare della NATO, ha dichiarato che "non è un dato di fatto che siamo in pace" e che questo è "il motivo per cui ci stiamo preparando per un conflitto con la Russia e gruppi terroristici. Grant Shapps, il ministro della Difesa britannico, ha usato un linguaggio ancora più forte, sostenendo che i dividendi della pace della guerra fredda erano finiti e che il Regno Unito e i suoi alleati stavano “passando da un mondo postbellico a uno prebellico”.

WHERE IS MR. JOHNSON NOW?

Venerdì, 22 Marzo 2024 20:56 Published in Europa

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato attacchi terrestri e aerei contro l’Ucraina su quattro fronti. Il 28 febbraio 2022, funzionari russi e ucraini si sono riuniti a Gomel, in Bielorussia, per iniziare a negoziare la pace. I colloqui di pace continuarono a intermittenza per un mese prima di essere interrotti. Infatti sembrerebbe proprio che solo poche settimane dopo l’inizio della guerra, l’Ucraina era pronta a firmare un accordo con la Russia durante i colloqui di pace a Istanbul fino a quando le potenze occidentali, guidate dall’ex primo ministro britannico Boris Johnson, ordinarono a Kiev di annullare l’accordo. Si sostiene quindi che la colpa della guerra oltre quel punto spetti all’Occidente e che gli alleati dell’Ucraina non siano altro che guerrafondai. Le accuse contro Johnson sono emerse dopo che David Arahamiya, leader della fazione del partito Servitore del popolo nella Verkhovna Rada e capo della delegazione ucraina nei colloqui con la Russia, ha rilasciato diverse dichiarazioni forse un po' controverse nel novembre 2023. In un’intervista con la giornalista ucraina Natalia Moseychuk, Arahamiya ha citato varie ragioni riguardo la decisione di Kiev di non negoziare con Mosca nel 2022, inclusa la visita inaspettata di Johnson a Kiev. Secondo il deputato, mentre a Istanbul era in corso un ciclo di colloqui, Boris Johnson è arrivato a sorpresa a Kiev il 9 aprile 2022 e ha detto che l’Ucraina “non dovrebbe firmare nulla con i russi – combattiamo e basta”. Ha anche rivelato che la Russia ha proposto di porre fine alla guerra nella primavera del 2022 a condizione che l’Ucraina abbandoni le sue aspirazioni nella NATO e adotti una posizione neutrale. “Erano pronti a porre fine alla guerra se avessimo adottato – come fece una volta la Finlandia – la neutralità e ci fossimo impegnati a non aderire alla NATO.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version