Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Amer Al Sabaileh

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website URL: http://amersabaileh.blogspot.com

Le recenti attività segnano un nuovo capitolo nelle relazioni giordano-israeliane. Mentre il trattato di pace tra i due paesi è in vigore da più di 28 anni, le relazioni hanno sofferto molto negli ultimi anni a livello ufficiale. Tuttavia, c'è stato un notevole miglioramento da quando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha lasciato l'incarico.

Il rischio di destabilizzazione in Cisgiordania durante il mese sacro del Ramadan sembra essere preso sul serio dalla Giordania, che ha intensificato il livello di coordinamento sia con gli israeliani che con i palestinesi nel tentativo di raffreddare la crescente tensione a Gerusalemme e nella Cisgiordania occupata.

Per la Giordania, questo è legato al ruolo che svolge come custode della moschea di Al Aqsa e, soprattutto, alla sicurezza nazionale del paese, considerando che le tensioni nei territori occupati durante il mese sacro hanno il potenziale per innescare un'altra escalation come quella di maggio dello scorso anno, quando le operazioni a Gaza hanno causato lo scoppio di tensioni a Gerusalemme Est. L'escalation della sicurezza in Cisgiordania e Gaza ha innescato massicce manifestazioni e proteste in Giordania, e questa è l'ultima cosa che la Giordania vorrebbe affrontare nell'era post-COVID quando c'è già frustrazione economica e politica, inflazione e disoccupazione, tutti fattori che potrebbero portare al collasso della società.

La Russia trova un modo per unire l'Occidente

Lunedì, 28 Febbraio 2022 13:44 Published in Europa

Il mondo sta guardando l'aggressivo ritorno a un'atmosfera da guerra fredda mentre la Russia invade l'Ucraina. Gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno messo in guardia sui piani della Russia per settimane, ma c'è stata pochissima preparazione per contrastare le mosse della Russia.

Il blocco occidentale si comporta più come un'alleanza unita. Negli ultimi anni, la Russia ha fatto affidamento sul fatto che ci sono grandi lacune nelle priorità dei paesi occidentali e sulla mancanza di interesse degli Stati Uniti e di alcuni paesi europei a tenere il passo con la NATO. L'invasione russa dell'Ucraina è stata l'innesco necessario per focalizzare l'attenzione di tutti e riallineare le priorità.

Il presidente russo Vladimir Putin ha usato molto bene questa mancanza di unità e interesse, sfruttando incentivi e interessi reciproci per indebolire qualsiasi posizione comune anti-russa. Mentre l'apparente unità potrebbe sorprendere un po' Putin, la Germania si sta trattenendo, assumendo una posizione intransigente, in particolare a causa della sua dipendenza dal gasdotto North Stream II per la sicurezza energetica. L'Italia dipende anche, anche se meno, dal gas russo e insieme alla Germania si è opposta all'utilizzo della piattaforma di pagamenti globale SWIFT come parte delle sanzioni contro la Russia.

AMMAN — L'hosting pubblico di un funzionario israeliano da parte del re giordano Abdullah II mercoledì ad Amman, dicono gli osservatori, fa parte di un significativo ripristino dei legami tra i due storici partner di pace. È stato il primo incontro pubblico di questo tipo in più di quattro anni dopo che la Giordania è stata vista messa da parte dalle amministrazioni degli ex Stati Uniti Il presidente Donald Trump e l'ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Il raro incontro pubblico ha visto il re giordano Abdullah II e il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz parlare della sicurezza regionale e del miglioramento dei legami che erano diventati tesi negli ultimi anni.

La scorsa settimana, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha incontrato il re Abdullah II ad Amman. Mentre molti rapporti hanno confermato che c'è stata una precedente riunione segreta lo scorso febbraio, l'incontro della scorsa settimana è arrivato con una dichiarazione ufficiale che delineava che si trattava di una discussione sulla sicurezza e sulle preoccupazioni diplomatiche. Includeva discussioni sulla stabilità nei Territori palestinesi e la possibilità di rilanciare il processo di pace basato sulla soluzione dei due Stati.

La visita pubblica di un funzionario israeliano è un punto di svolta nei legami israeliani giordani. Può anche essere visto come parte di un nuovo approccio dalla Giordania nell'era post-Netanyahu e Gantz è il canale principale. Entrambe le parti hanno recentemente lavorato per migliorare le relazioni. Lo scorso agosto si è svolto un incontro pubblico sul ponte Allenby tra i ministri degli esteri israeliano e giordano.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version