Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Amer Al Sabaileh

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website URL: http://amersabaileh.blogspot.com

La potenziale instabilità ai confini è un rischio critico per tutti i paesi, specialmente in Medio Oriente. Ciò è particolarmente vero per la Giordania, dove il rischio è elevato da molti anni e le minacce alla sicurezza al confine come l'illegalità e la lotta creano un terreno fertile per la criminalità e il terrorismo. Questo tipo di instabilità unita a difficoltà economiche potrebbe anche portare a un aumento significativo del numero di locali che si uniscono a gruppi terroristici.

Negli ultimi anni, si è verificata un'escalation della tensione diplomatica e politica tra Giordania e Israele che non riflette il trattato di pace esistente, né il livello di cooperazione in materia di sicurezza esistente tra le due parti. Dalle controversie all'UNESCO alle recenti questioni relative alla prevista annessione della Cisgiordania da parte di Israele, a cui la Giordania si oppone in modo aggressivo, la crescente tensione pone la questione se Giordania e Israele siano sulla strada dello scontro diretto.

È importante essere realistici, dato che si tratta di due paesi che condividono problemi di sicurezza e un lungo confine, in particolare nel contesto degli investimenti della Giordania nelle questioni politiche, sociali e demografiche della Cisgiordania. Dato che entrambi i paesi stanno adottando un approccio "senza compromessi", una situazione di stallo politico era inevitabile, ma ci sono opzioni alternative che non portano allo scontro, ma creano anche opportunità per entrambi gli stati di capitalizzare.

Le sfide in Medio Oriente continuano mentre la regione sembra affrontare una nuova ondata di destabilizzazione da Libano, Siria, Iraq e Cisgiordania.

La crisi politica libanese sembra intensificarsi man mano che la crisi economica si fa più acuta. Ciò sta portando alla riemersione di domande sul concetto di equilibrio politico finemente equilibrato dello stato e sulla sua idoneità allo scopo nel nuovo panorama regionale e globale. Alcuni suggerimenti suggeriscono la necessità di nuovi attori politici e potenziali strutture per far fronte alle sfide poste dall'ambiente post-COVID.

Mentre il mondo si è concentrato sulla gestione di COVID-19 e le risorse dell'apparato di sicurezza hanno affrontato l'epidemia, trasformando le istituzioni in modo da applicare restrizioni e mantenere le distanze sociali, le minacce alla sicurezza più tradizionali hanno operato con meno pressione e in crescita. Tracciare i segni delle attività terroristiche negli ultimi mesi suggerisce che continuano a operare in tutta la regione, dalla Somalia alla Siria, dalla Libia all'Iraq, all'Egitto, allo Yemen, all'Afghanistan e in tutta l'Asia centrale.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version