Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

THE GULF

Venerdì, 16 Febbraio 2024 13:01

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti e il Regno Unito, sostenuti da altri alleati, hanno lanciato attacchi aerei contro gli arsenali missilistici Houthi e i siti di lancio dei loro attacchi. R. Wood, vice ambasciatore USA, ha affermato che gli attacchi americani in risposta agli attacchi contro le navi militari statunitensi “mirano a interrompere e degradare la capacità degli Houthi di continuare i loro attacchi contro navi commerciali nel Mar Rosso, nello stretto di Bab al-Mandeb, e il Golfo di Aden”. Dal 2014, ha detto, che l’Iran ha fornito agli Houthi “un crescente arsenale di armi avanzate” che hanno utilizzato per colpire le navi commerciali, e “l’Iran non può negare il suo ruolo nel consentire e sostenere gli attacchi effettuati dagli Houthi”. Wood ha anche accusato gli Houthi di “cercare di soffocare il trasporto marittimo globale attraverso il Mar Rosso” e ha esortato tutti i paesi, in particolare quelli con canali diretti verso l’Iran, “a fare pressione sui leader iraniani affinché tengano a freno gli Houthi e fermino questi attacchi illegali”.

Published in Medio Oriente

INFORMATION WAR

Sabato, 30 Dicembre 2023 20:09

Come possiamo combattere Hamas senza avere vittime civili?” Dice Yaakov Amidror, un ex generale IDF,  senza distruggere Hamas, sostiene la leadership israeliana, si condanna Israele a nuovi massacri, e contemporaneamente si invia un messaggio ad altri poteri ostili, come l'Iran, che il terrorismo non funziona. "Questo non può essere il futuro del Medio Oriente", concorda Dennis Ross, un ex negoziatore di pace israelo-palestinese che ha prestato servizio in più amministrazioni statunitensi. I social media sono invasi da scene strazianti di morte e distruzione, catturate e condivise da giornalisti che hanno guadagnato un pubblico massiccio con i loro resoconti oculari della guerra. Video e immagini da terra sono stati amplificati da simpatizzanti di Hamas, ossia cinesi, russi e iraniani, questo sempre secondo l'Istituto per il dialogo strategico, un think tank con sede a Londra che monitora la disinformazione online. Nel frattempo un'ondata di antisemitismo globale, dai campus universitari alle sale del potere, cerca di screditare e negare le preoccupazioni di sicurezza di Israele. Allo stesso tempo, alcuni funzionari del governo israeliano fanno passare il loro messaggio che la guerra è progettata per ridurre al minimo le vittime civili. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha paragonato lo sforzo bellico alla storia biblica di Amalek, quando Dio dice a King Saul di uccidere ogni persona, comprese donne e bambini, nella nazione rivale all'antico Israele. Il numero di americani che vogliono che gli Stati Uniti prendano la parte di Israele è sceso dal 43% in ottobre al 37% a novembre, secondo un sondaggio condotto dall'Università del Maryland e dagli Ipsos.

Published in Medio Oriente

Nel suo tentativo di rompere l’embargo politico sulla Siria, il presidente Bashar Al-Assad ha recentemente fatto il suo primo viaggio all’estero dopo il disastroso terremoto in Oman, dove ha incontrato il sultano Haitham bin Tariq. Mentre Assad ha richiesto l’incontro, il sultano ha espresso il suo auspicio che i legami della Siria con tutti i paesi arabi tornino presto alla normalità.

Published in Medio Oriente

La strada verso la formazione di partiti politici forti e ultimi di solito non è facile, specialmente in un paese come la Giordania che ha sofferto per così tanto tempo per la mancanza di attivismo politico e la presenza di forti partiti non giordani. Mentre gli attuali tentativi di plasmare i partiti potrebbero creare l'impressione di attivismo politico, chiedere alle persone di unirsi ai partiti che vengono creati non è una panacea per aumentare l'impegno politico e influenzare i cambiamenti necessari in Giordania.

Published in Medio Oriente

Il dibattito sull'identità nazionale in Giordania in questo momento è importante, in particolare in un momento di cambiamento o riforma politica. È anche importante perché richiede una maggiore comprensione di ciò che le persone stanno cercando, in particolare dopo anni di privazione delle persone dall'attingere al loro passato e al ricco patrimonio culturale che può informare e plasmare un'identità culturale e nazionale in futuro.

Questo dibattito non dovrebbe essere politicizzato in quanto potrebbe diventare l'innesco di divisioni sociali, frammentazione e conflitto. È anche perché senza un progetto e una visione nazionali chiari c'è il rischio di un conflitto all'interno della società poiché alcuni gruppi dirottano l'identità nazionale con la loro visione del paese che difficilmente sarà inclusiva e accettata dalla maggior parte.

Nella nostra regione, l'errore di affidarsi alla religione come fonte di legittimità per molti sistemi politici ha creato generazioni che non si impegnano con l'identità nazionale. Questo risale alla fine della seconda guerra mondiale, ma è stato rafforzato dalla sconfitta araba nel 1967. L'identità religiosa in questa regione non considera i confini né riconosce le nazioni, basandosi invece sul concetto di Al Umma che copre tutte le nazioni e tutti i popoli. Di fronte a ciò, è estremamente difficile costruire un'identità nazionale solo per i giordani.

Published in Medio Oriente

I recenti avvenimenti accaduti nel sud della Siria, in particolare nella città di Daraa, hanno causato il rallentamento della piena riapertura del confine con la Giordania, concordata di recente. L’intensificarsi del conflitto e il ritardo nell’apertura di questa importante rotta commerciale potrebbero avere impatti più ampi se non si troveranno al più presto soluzioni valide ed efficaci.

Si prevede che il governo siriano voglia consolidare la sua posizione sulla provincia meridionale, che è strategica, con un occhio a un’ulteriore normalizzazione; poiché sarà difficile riaprire completamente i confini in assenza della piena sovranità statale su questa regione. Quindi, strategicamente l’assalto a Daraa ha senso, in particolare dopo il crollo del piano di riconciliazione di Damasco per la città.

Published in Medio Oriente

Ci sono vari segnali nei paesi arabi del potenziale di turbolenze politiche. Le potenziali rivolte non sono più una sorpresa, ma la situazione attuale dovrebbe sollevare preoccupazioni politiche e di sicurezza in tutti gli stati della regione.

Più di 10 anni dopo l'inizio delle rivolte della Primavera araba, dove le questioni di fondo all'interno dei paesi arabi sono state rivelate senza mezzi termini, non c'è stato un vero approccio per gestire il cambiamento o offrire soluzioni. C'è una netta mancanza di anticipazione di ciò che è necessario e quasi nessuna misura proattiva per affrontare i problemi. La riforma politica è necessaria e non a lungo termine, ma ora.

Per un paese come la Giordania, quest'anno segna 100 anni dalla fondazione del paese. La Giordania ha affrontato diversi momenti critici, difficoltà e sfide. Ci sono stati periodi promettenti in cui il cambiamento è stato adottato per gestire le situazioni in via di sviluppo. Nel 1989, a seguito della rivolta di aprile, fu trovata la volontà politica di risolvere i problemi di fondo, non solo da un punto di vista economico, ma una visione molto più ampia basata sull'inclusione politica e sul miglioramento del processo democratico. Nell'ultimo decennio abbiamo anche assistito ad alcuni tentativi di attuare emendamenti costituzionali e aumentare la trasparenza della politica nel paese.

Published in Medio Oriente

Lezioni da un decennio dopo la primavera araba

Martedì, 29 Dicembre 2020 13:10

Quest'anno ricorre il decimo anniversario degli eventi che hanno innescato la Primavera araba. Da quel momento, un nuovo ordine politico regionale si è sviluppato in tutta la regione araba e ha portato a un progressivo cambiamento delle priorità in Medio Oriente. Il passaggio dalla democrazia imposta alle rivoluzioni guidate dai cittadini per la democrazia e la libertà ha portato alla singolare priorità della lotta al terrorismo. Allo stesso modo, l'imposizione ideologica della democrazia e della libertà si è trasformata in pragmatismo economico. Nel frattempo, la stabilità interna è diventata la principale priorità dei responsabili politici poiché il disordine sociale potrebbe creare un terreno fertile per gravi rischi per la sicurezza, inclusi criminalità organizzata e gruppi terroristici, e per impostazione predefinita creare il potenziale per il rovesciamento dei regimi. Sebbene le difficoltà economiche siano un problema serio, i responsabili delle decisioni devono anche tenere a mente la delicata situazione regionale e le potenziali implicazioni per i loro paesi.

Published in Medio Oriente

Verso cambiamenti concreti e costruttivi

Lunedì, 23 Novembre 2020 18:22

Mentre nuove ondate di COVID-19 stanno colpendo in tutto il mondo, la Giordania sta affrontando una delle sfide più difficili. Sebbene ci sia stato un recente cambiamento di governo, devono ancora esserci segnali positivi di una nuova capacità di affrontare le situazioni critiche che il paese deve affrontare adottando un approccio nuovo e più efficace.

Il nuovo governo avrebbe dovuto essere costruito sulla base delle capacità di gestione delle crisi, ma invece è un modo burocratico tradizionale che è storicamente inefficace nell’affrontare le sfide che la Giordania deve affrontare. Ciò è particolarmente interessante data la Royal Designation Letter, che ha evidenziato la necessità di concentrarsi e affrontare le principali sfide create da COVID-19.

Published in Medio Oriente

Un nuovo approccio alla tolleranza

Lunedì, 02 Novembre 2020 11:24

Per molti anni, ho dedicato parte dei miei studi alle questioni della gestione dei conflitti interculturali, poiché è sempre stata importante quanto la gestione dei conflitti stessa. Nella gestione dei conflitti, il conflitto latente è considerato il più rischioso, poiché è nascosto mentre cresce, diventa più forte e diffonde le sue radici prima di emergere attraverso questioni complesse e profonde che devono essere affrontate.

La controversia sulla pubblicazione di immagini del Profeta è stata una parte particolare dei miei studi per molti anni. Affrontare questo problema come un estraneo è stato molto interessante e cercare di capire le dinamiche di come la questione potesse portare a un conflitto aperto. In un articolo pubblicato, “Between Sanctity and Liberty”, ho cercato di analizzare le questioni da un diverso punto di vista, evidenziando la maggior parte dei recenti incidenti legati al conflitto dall'assassinio dell'ambasciatore americano in Libia John Stevens, al danese cartoni animati e, ovviamente, Charlie Hebdo.

Published in Europa
Pagina 1 di 5
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version