Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

L'incidente avvenuto la scorsa settimana al porto di Beirut non può essere considerato solo un altro disastro come tanti altri che si verificano quotidianamente in Medio Oriente. Non solo per la perdita di vite umane, danni e impatto economico, ma anche per le altre conseguenze a cui porterà l'incidente.

L'incidente è avvenuto in un momento molto particolare e delicato della storia del Libano. Il Paese è in preda a una crisi economica, conseguenza di una politica di isolamento e di sanzioni imposte da attori internazionali, in primis gli Stati Uniti, mirate a prosciugare le risorse finanziarie di Hezbollah. Prima delle esplosioni al porto di questa settimana, il problema più importante per il governo libanese era la crisi economica e il suo potenziale di instabilità sociale e politica. La situazione sul terreno in Libano è stata dominata da un crescente malcontento tra la popolazione a causa della continua mancanza di servizi essenziali e opportunità di sviluppo, insieme a una crescente presunzione di corruzione tra la classe politica.

Published in Medio Oriente
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version