Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

10-08-2020

Esplosione di Beirut: la prossima fase dell'intervento straniero

Rate this item
(3 votes)

L'incidente avvenuto la scorsa settimana al porto di Beirut non può essere considerato solo un altro disastro come tanti altri che si verificano quotidianamente in Medio Oriente. Non solo per la perdita di vite umane, danni e impatto economico, ma anche per le altre conseguenze a cui porterà l'incidente.

L'incidente è avvenuto in un momento molto particolare e delicato della storia del Libano. Il Paese è in preda a una crisi economica, conseguenza di una politica di isolamento e di sanzioni imposte da attori internazionali, in primis gli Stati Uniti, mirate a prosciugare le risorse finanziarie di Hezbollah. Prima delle esplosioni al porto di questa settimana, il problema più importante per il governo libanese era la crisi economica e il suo potenziale di instabilità sociale e politica. La situazione sul terreno in Libano è stata dominata da un crescente malcontento tra la popolazione a causa della continua mancanza di servizi essenziali e opportunità di sviluppo, insieme a una crescente presunzione di corruzione tra la classe politica.

Più recentemente anche il sistema bancario e finanziario è stato colpito, aggravando ulteriormente la crisi economica. Le limitate fonti di dollari USA hanno portato al crollo della valuta nazionale e innescato inflazione e carenza di risorse essenziali. Queste difficili condizioni hanno preparato il terreno per le proteste sociali organizzate da gruppi contrari a Hezbollah, che accusano di agire come un governo ombra e ai cui piedi molte persone attribuiscono la colpa del peggioramento della situazione economica, politica e sociale. 

È molto probabile che ci sarà un aumento della retorica sul ruolo di Hezbollah nella crisi siriana e l'influenza iraniana in Libano come ragioni alla base dello stato del paese e il crescente isolamento del Libano, non solo dalla comunità internazionale più in generale, dove anche la Germania ha elencato Hezbollah come organizzazione terroristica, ma anche dai paesi del Golfo che in precedenza hanno sostenuto l'economia libanese.

Le esplosioni avranno implicazioni dirette a breve e medio termine. È probabile che la crisi economica e sociale si aggravi a breve termine, poiché il porto di Beirut era un'infrastruttura fondamentale per il commercio e per l'approvvigionamento di cibo, medicinali, carburante e altri beni di prima necessità. A medio termine, ciò significherà un aumento della dipendenza dal porto di Tripoli, che è sotto l'influenza dei rivali politici di Hezbollah.

Per molti versi è simile all'assassinio dell'ex premier Hariri nel 2005, che ha riportato il Libano nel radar politico, internazionalizzando la questione libanese con prestiti, aiuti e assistenza alla ricostruzione. Ma questa volta è improbabile sulla stessa scala data l'attuale equazione politica, l'influenza dei poteri regionali e il potenziale per minare la sovranità libanese. Sebbene gli aiuti umanitari arriveranno nel paese, quasi certamente apriranno la strada a ulteriori aiuti economici che inevitabilmente avranno vincoli ad esso per influenzare il cambiamento politico. 

Di conseguenza, Hezbollah sarà sempre più debole e isolato, il che significa che il malcontento sociale è destinato a crescere. La crisi locale peggiorerà parallelamente a un picco nelle questioni intorno a Siria-Iraq-Iran, che lascia pochissimo margine per le manovre politiche di Hezbollah e dei suoi alleati. Indipendentemente dai fatti, la presenza di sostanze pericolose e potenzialmente nocive nel porto di Beirut sarà considerata, a livello internazionale, un segno di attività militari illegali e di un'ulteriore riduzione della credibilità di Hezbollah.

Per questi motivi, l'incidente di Beirut non può essere considerato un incidente casuale e banale, ma piuttosto un potenziale innesco di cambiamento in Libano. Le conseguenze di questo cambiamento rischiano di tradursi in un indebolimento del potere di Hezbollah e di un via libera per l'intervento internazionale nel paese.

L'impatto sulla regione non è necessariamente positivo poiché la crisi in Libano può facilmente passare da nazionale a regionale a internazionale. Il Libano, che da dieci anni vive in un sistema binario con la coesistenza di un blocco pro-Iran e pro-saudita, rischia di entrare nella grande crisi politica e sociale che colpisce molti paesi strategici del Medio Oriente, e potenzialmente aggiungerne di nuovi basi di influenza, come la Turchia, sulla scena.

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website: amersabaileh.blogspot.com
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version