Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

La Giordania continua ad affrontare sfide interne e regionali e, con l'avvicinarsi dell'annessione della Cisgiordania e della Valle del Giordano annunciata dal governo israeliano, ciò aggiunge ulteriori sfide ai problemi che la Giordania deve affrontare. Nonostante ciò, è fondamentale iniziare una considerazione realistica su come contenere e gestire questo problema, se dovesse diventare una realtà nel prossimo futuro.

Published in Medio Oriente

Le monarchie del Golfo contestano l’annessione della Valle del Giordano promessa dal premier israeliano in piena campagna elettorale.

Le dichiarazioni di Benjamin Netanyahu, Primo Ministro israeliano, relative al piano di annessione della valle del Giordano, non sono passate inosservate neanche nei paesi arabi, non si è fatta infatti attendere la replica da parte dei leader degli Emirati Arabi Uniti.

Published in Medio Oriente

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Lunedì, 25 Febbraio 2019 14:29

Verso l'ultimo anno del suo primo mandato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump perseguirà un accordo regionale in Medio Oriente, con particolare attenzione alla Palestina. Dall'inizio di questa amministrazione, ci sono state fughe di notizie e voci dalla Casa Bianca sulla "questione del secolo" per il Medio Oriente.

Il primo chiaro segno dell'interesse di questa amministrazione a trovare un accordo scuotendo la situazione fu quello di annunciare il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e che l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele sarebbe stata trasferita lì. Si trattava chiaramente di una mossa calcolata, poiché la rabbia e il respingimento di coloro che si opponevano non sembravano esercitare alcuna pressione sull'amministrazione.

Published in Medio Oriente

Russia’s withdrawal from Syria

Mercoledì, 23 Marzo 2016 15:34

A political solution for Syria seems to be top priority for both Moscow and Washington. To achieve it, Russia and the US supported two important decisions: “To stop financing terrorism” and “to impose a political settlement”.

Published in Medio Oriente

Affari sporchi e immigrazione

Martedì, 22 Settembre 2015 00:47

Le organizzazioni criminali che gestiscono il traffico di esseri umani dal nord Africa, dalla Siria e dagli altri paesi privi di stabilità economica e sociale hanno lentamente modificato le tecniche di gestione dei flussi migratori.

Da circa un mese infatti, hanno aperto il loro triste mercato anche ai piccoli imprenditori, commercianti ed ai cittadini comuni che sognano di fare soldi sulla pelle delle migliaia di persone che fuggono dai loro paesi.

In particolare i rifugiati siriani hanno scelto il corridoio turco che da Bodrum li porta all'isola di Kos e quindi in Europa, questo nuovo itinerario ha sviluppato un fiorente mercato di gommoni, giubbotti di salvataggio,attrezzature marine di vario genere, contenitori stagni per cibo e strumenti elettronici; insomma tutto il necessario per una traversata di poche miglia, kos si raggiunge da Bodrum in circa un'ora di navigazione ad una velocità di 15\18 nodi.

Published in Europa

CHI SI FIDA DELL’IRAN?

Giovedì, 13 Agosto 2015 07:24

Ha fatto bene il presidente Barack Obama a negoziare un accordo con l’Iran (che pone la fine delle sanzioni economiche) in cambio della promessa  che lo sviluppo del nucleare iraniano servirà per soli scopi civili e non per scopi militari?

In sostanza l’Iran si è formalmente impegnato ad abbandonare il proprio programma relativo alle armi nucleari.

Le sanzioni internazionali contro l’Iran sono state sicuramente efficaci perché hanno creato un incentivo economico per l’Iran a  sedere al tavolo delle trattative.

Gli analisti però accusano l’Iran di sponsorizzare il terrorismo internazionale in particolare di essere il maggior finanziatore di Hezbollah.

Published in Medio Oriente

Benjamin Netanyahu prova a conquistare il suo quarto mandato in un clima avvelenato da polemiche e faide interne al Likud. BB ha distrutto i suoi rapporti personali con Obama ma l'Amministrazione Americana continuerà comunque a finanziare ed a sostenere Israele nonostante la distanza di vedute sui rapporti con l'Iran.

Lo scenario politico attuale vede l'ingresso di un nuovo partito ultraortodosso composto da sole donne "B Zohutan" con un programma contraddittorio e incerto che confligge contro le tradizioni ortodosse. La nuova compagine seppure numericamente non considerabile darà uno scossone emotivo agli ultimi giorni di campagna elettorale ponendosi come possibile ago della bilancia, il fattore donne d'altronde sarà fondamentale nel nuovo parlamento.

Published in Medio Oriente

The way Netanyahu appeared during Paris march against terrorism shows the desire of the Israeli Prime Minister to change the recent American and European pressure that Netanyahu is suffering from his role in derail Kerry’s peace proposal, refusal to stop the settlements etc. suddenly Paris attacks turned to be a manifestation of an anti-Semitism, and Jews of Europe became the main target of these attacks.

Published in Europa

Perplexing American policy

Giovedì, 11 Dicembre 2014 17:13

Several months ago, the US Secretary of State, John Kerry’s stated aim was achieving a peace deal between Israelis and Palestinians, at the time, seemingly disregarding the need to deal with the situation in Syria. Interestingly, Kerry’s recent visit to Jordan highlights the extent to which priorities have shifted from achieving a framework for peace to desperately working to prevent a security collapse in Jerusalem and the West Bank.

Published in America

Il fantasma Mohammad Deif

Venerdì, 22 Agosto 2014 17:36

Per il premier israeliano Netanyahu, Deif è morto la scorsa notte insieme alla moglie ed alla figlia piccola, sotto le macerie della sua casa nel quartiere di Sheikh Radwan a Gaza, bombardato dall' aeronautica della Stella di David.  Hamas smentisce la morte del leader ed alimenta la leggenda del nemico numero uno di Israele.

Published in Medio Oriente
Pagina 1 di 3
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version