Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

WEST BANK-RUPT

Giovedì, 14 Novembre 2013 12:39

L’economia di Gaza sta crollando, contemporaneamente alla demolizione da parte dell’Egitto dei tunnel di contrabbando lungo il confine di sabbia che separa le due aree, alle demolizioni dei tunnel si aggiunge la fuga degli investitori e donatori che scappano da una zona di conflitto. L’economia palestinese potrebbe ridursi notevolmente quest’anno dopo una crescita media annua di circa il 9% durante il quadriennio 2008-2011.

Published in Medio Oriente

EGITTO: LA VERITA' SULL'ACCADUTO A DALGA

Lunedì, 30 Settembre 2013 13:31

Dalga è un paese di campagna ad Al-minya in Egitto, che a seguito a delle proteste e a delle manifestazioni pacifiche fatte dai suoi abitanti contro il regime golpista, è stato invaso da poliziotti e militari con carri armati, elicotteri ed altro, bombardata con armi pesanti e circondata dalle forze armate egiziane vietando l'entrata e l'uscita di qualsiasi persona.

Hanno  distrutto e bruciato case, arrestato persone con la scusa di cercare armi pesanti e laboratori di produzione d'armi e per proteggere  i cristiani del luogo che secondo il racconto dei golpisti venivano  perseguitati. Nonostante tutto i  abitanti di Dalga non hanno  risposto  alle provocazioni e continuano tutt'ora a scendere ogni giorno in manifestazioni pacifiche. 

Published in Medio Oriente

LA SCOMODA VERITA

Giovedì, 22 Agosto 2013 20:07

La verità è sempre illuminante ci aiuta ad essere coraggiosi.

La verità ci aiuta ad essere noi stessi, ci aiuta a farci riconoscere, a farci vedere per quello che siamo.

E’ in nome della verità che dobbiamo agire, dobbiamo muoverci.

Senza verità non saremmo niente. A. Moro

Published in Medio Oriente

Sulla guerra civile che insanguina l’Egitto pesano più della motivazioni religiose i finanziamenti occulti e non che le ricche monarchie del Golfo, gli Usa e la Turchia inviano alle parti in lotta.

Contributi volontari per confermare una debole pace, come quelli inviati dagli Stati Uniti ai Fratelli Musulmani un anno fa per ottenere una politica non aggressiva con Israele, oppure  come quelli inviati ora dai paesi del golfo per radicalizzare gli scontri.

Published in Medio Oriente

Stanno facendo di tutto per cercare di oscurarci, di non far emergere i fatti e le testimonianze delle persone che hanno vissuto e stanno vivendo gli eventi in Egitto. L'Istituto di ricerca sui rischi geopolitici Triage Duepuntozero che ho l'onore di presiedere, sta raccogliendo diverse testimonianze e materiale di ogni genere al fine di far emergere i fatti, le verità che non vogliono far uscire. Il nostro intento è quello di lavorare sulla realtà dei fatti al fine di elaborare analisi di più elevato livello e cercare di individuare i rischi geopolitici, con l'ambizione di prevedere gli sviluppi futuri. Avevamo già previsto quanto sarebbe accaduto nel nostro rapporto sui rischi 2013/2014. Nonostante tutto, continueremo SENZA PRENDERE ALCUNA POSIZIONE PER NESSUN SCHIERAMENTO e sottolineando la TOTALE LIBERTÀ dell'Istituto, su quanto sta accadendo nel teatro egiziano CERCANDO SEMPRE LA VERITÀ.

Published in Medio Oriente

In  questo giorno di rabbia e dopo la preghiera del Venerdì sono scesi per le vie milioni di persone in tutto l'Egitto nonostante il coprifuoco, per protestare contro la dittatura dell'esercito che continua ad uccidere senza pietà.

Alcune persone si sono fatte da scudo per proteggere banche e chiese.

Carri armati, elicotteri e cecchini sopra i palazzi massacrano la gente scesa in piazza; il numero delle vittime non è ancora definito.

Published in Medio Oriente

I familiari delle vittime uccise dall'esercito egiziano trovano un netto rifiuto da parte dell'autorità egiziana di dar loro autorizzazioni per poter seppellire i loro cari e si trovano obbligati a firmare rapporti di morte dove viene indicato che la vittima si è suicidata... in questo modo l'esercito sta cercando di togliere la sua responsabilità di questo massacro.

Published in Medio Oriente

Manifestazioni di piazza in tutto l'Egitto dopo la giornata nera di ieri, anche ad Alessandria d'Egitto sono scesi per le vie numerose persone sfidando l'esercito che ha proclamato da ieri  lo stato d'emergenza che durerà per un mese e che gli permetterà di compiere ogni atto crudele dimenticando ogni regola umana.

Published in Medio Oriente

Le forze di polizia egiziane hanno represso violentemente i campi di Fratelli Musulmani di al-Nahda e Rabaa Al-Adawiya nella capitale, gli ultimi dati parlano di oltre 800 morti tra le fila dei supporters di Mohamed Morsi, ma è estremamente difficile fornire dati realistici. Gli scontri si sono estesi anche fuori da Il Cairo, in particolare nella città settentrionale di Minya, dove 15 persone sarebbero morte e una chiesa copta è stata data alle fiamme, e nella città di Fayoum, dove i morti sarebbero 17. Nella giornata del 15/08 il palazzo del Governo di Giza è stato preso d'assalto e incendiato con lancio di bottiglie Molotov dai sostenitori di Morsi. Hanno perso la vita anche un cameraman di Skynews, Mick Deane, e una giornalista degli Emirati Arabi, Habiba Ahmed Abd Elaziz.

Published in Medio Oriente

In una giornata drammatica come ieri l'Egitto ha vissuto momenti drammatici oltre 525  persone uccise dall'esercito egiziano la maggior parte di loro sono colpiti con proiettili alla testa e al cuore per non dimenticare le persone bruciate vive. Piazza Aladwiya è diventata uno scenario di un film horror purtroppo, un film che vivono tuttora i nostri fratelli nell'umanità, i fratelli egiziani.

Published in Medio Oriente
Pagina 2 di 3
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version