Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

25-02-2013

Elezioni a Cipro: pronti a fronteggiare la crisi?

Rate this item
(11 votes)
Elezioni a Cipro Elezioni a Cipro fonte: http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2013/02/elezioni-cipro-770x874.jpg

Il 24 febbraio 2013 a Cipro si è svolto il ballottaggio per le elezioni presidenziali. In competizione per la carica di presidente c’erano il candidato del partito di centrodestra “Unione Democratica” (Disy), il conservatore Nicos Anastasiades, e il candidato di sinistra Stavros Malas sostenuto dal partito Akel (Partito Progressista dei Lavoratori). Dei due concorrenti, ha avuto la meglio il conservatore Nikos Anastasiadis, 66enne avvocato, da oggi nuovo presidente della strategica isola mediterranea (in realtà della parte greca - vedi cartina) con il 57,47%.

Nikos AnastasiadisLa situazione economica di Cipro appare più grave di quella della Grecia già dal dicembre 2012 (con le dichiarazioni del Ministro delle Finanze Christos Patsalides[1]) e Nikos Anastasiadis è la figura che dovrebbe far uscire il paese dalla profonda crisi in cui si è ritrovato rischiando il default per mancanza di soldi nelle casse pubbliche.  

Anastasiadis era l’unico candidato sponsorizzato dal Cancelliere tedesco Angela Merkel, a favore del piano di salvataggio da 17,5 miliardi di euro. Alcuni giornali hanno addirittura paragonato le presidenziali cipriote ad un referendum sull’accettazione o meno degli aiuti tedeschi (in realtà europei)  e delle relative misure di austerity.

Il neo presidente ha dunque promesso di adottare tutte le politiche necessarie ed imposte dall’UE, da sempre molto scettica a causa della inesistente trasparenza bancaria che fino ad oggi ha caratterizzato le banche cipriote, sospettate di aver ripulito ingenti capitali provenienti dalla Russia. Con il precedente governo guidato da Demetris Christofias (autodefinitosi come ultimo comunista d’Europa di formazione politica legata all’Unione Sovietica) Cipro aveva concordato un prestito bilaterale con la Russia da 2,5 miliardi. Ad aggiungersi a questi legami, gli interessi della compagnia russa Gazprom (maggiore estrattrice al mondo di Gas naturale) che punta ai ricchi giacimenti di metano presenti nell’isola, ed alla posizione strategica della zona, utilizzata come trampolino di lancio verso la Siria e tutto il Medio Oriente da parte dei Russi.Suddivisione Amministrativa di Cipro

Luke Harding giornalista inglese su “The Guardian” il 2 gennaio 2012 scriveva[2]: “Questo mese una misteriosa nave cargo russa è approdata nel porto cipriota di Limassol per ripararsi dal mare in tempesta. A bordo della Ms Chariot sono state trovate 60 tonnellate di munizioni per fucili mitragliatori AK-47 e lanciarazzi. Il carico proveniva dalla compagnia statale russa produttrice di armi, Rosoboronexport. L'acquirente era il governo siriano. Cipro, dal 2004 membro dell'Unione europea, avrebbe dovuto sequestrare il carico. Le armi, infatti, rappresentavano una violazione clamorosa dell'embargo militare nei confronti di Damasco, deciso dall'Ue dopo la violenta repressione delle manifestazioni di protesta dell'anno scorso.  Invece le autorità cipriote hanno permesso alla nave di lasciare l'isola dopo aver ricevuto la vaga promessa di un cambio di rotta. La MS Chariot ha riempito i serbatoi di carburante e si è tranquillamente avviata verso il porto siriano di Tartus, dove ha consegnato il suo carico.  Secondo alcuni l'episodio è l'ennesima dimostrazione della volontà di Cipro di non contrariare Mosca, nei cui conforti Nicosia mostra una "imbarazzante sudditanza". L'interesse del governo cipriota a non suscitare le ire di Vladimir Putin è in un certo senso comprensibile. Il Cremlino ha infatti promesso – ma non ancora erogato – un prestito di 2,5 miliardi di euro per salvare l'economia dell'isola. La Russia è inoltre un alleato di Cipro al consiglio di sicurezza dell'Onu contro la Repubblica turca di Cipro nord, non riconosciuta da Nicosia” [3].

Dov’è finito il prestito russo? Come sono stati impiegati quei soldi da parte del governo uscente del paese? Come un qualsiasi ente creditizio, la Troika (il gruppo dei rappresentanti di Banca centrale europea, Commissione europea e Fondo monetario internazionale impegnati a intervenire durante la crisi debitoria degli stati europei), dovrebbe valutare bene la solvibilità da parte del neo governo, prima di concedere l’aiuto.

Il rischio temuto dai tedeschi e da tutta l’Unione Europea è proprio che i fondi stanziati in realtà vengano poi passati da Nicosia a Mosca, e che una ulteriore insolvenza del debito possa riaccendere una vorticosa nuova crisi dell’euro che porterebbe al collasso.



[1] The Wall Street Journal http://www.wallstreetjournal.de/article/SB10001424127887324407504578185440682619634.html?mod=DeutscheBoerse

[2] The Guadian http://www.guardian.co.uk/world/2012/jan/26/cyprus-russian-invasion

[3] Versione italiana dell’articolo di Luke Harding su The Guardian http://www.presseurop.eu/it/content/article/1474141-l-isola-dei-russi

 

© Riproduzione Riservata 

Claudio Sciarma

Laureato in Ricerca sociale per la sicurezza interna ed esterna con tesi dal titolo “investigare con il motore di ricerca - Google come strumento di business intelligence". 
Laureato con Lode in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza, sviluppando una tesi in collaborazione con il Ra.C.I.S. di Roma e l’azienda Leica Geosystems sulla ricostruzione della scena del crimine mediante Laser Scanner.
Master in Security Languages.
Certificato in lingua e cultura araba presso la SLEE di Perugia.
Analista di intelligence
Webmaster, webdesigner ed esperto SEO. Specializzato nella rilevazione di frodi telematiche ha collaborato ad alcune attività con il GAT della Guardia Di Finanza. 

Esperto in P.P.A. (Protezione personale avanzata), analisi di attentati, sicurezza internazionale, sicurezza dei trasporti, pianificazione di eventi, analisi dei dispositivi istituzionali internazionali di protezione e scorta.
Volontario in ferma prefissata nell’Esercito Italiano ( 2010 -2012 ), assegnato alla Scuola Lingue Estere dell’Esercito.
Socio Fondatore dell’A.I.S.I.S. Associazione Italiana Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza.
Condirettore editoriale del magazine - online ConVincere.

Website: claudio.sciarma.it
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version