Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

29-12-2013

Strage in Russia: puntare sull’intelligence e sulla cooperazione per evitare futuri attacchi

Rate this item
(22 votes)
Oksana Aslanova Oksana Aslanova

Donna kamikaze a Volgograd l’ex Stalingrado nella Russia Meridionale: Oksana Aslanova si è fatta esplodere all’interno della stazione ferroviaria, 18 i morti e una 50ina i feriti - una minaccia per le olimpiadi invernali di Sochi.

In pochi minuti le immagini hanno fatto il giro del mondo: una telecamera di sorveglianza senza audio documenta il momento dell’esplosione. La potenza del boato si intuisce dal tremore dell’immagine. Poi vengono pubblicate altre riprese effettuate da un passante con un telefonino, che mostrano le conseguenze dell’attentato, compiuto da una donna kamikaze che si è fatta saltare in aria nell’atrio della stazione ferroviaria di Volgograd, l’ex Stalingrado proprio nel momento di massima affluenza con migliaia di persone in transito dopo le vacanze di capodanno.

Stando a quanto raccontato da alcuni testimoni, la kamikaze avrebbe  azionato il dispositivo prima di passare il metaldetector e mettere a segno l’attentato, proprio mentre uno degli agenti le stava andando in contro per i controlli di routine. Altre fonti rendono noto che sarebbero stati rinvenuti i resti di una mano, con la linguetta di una granata. Questo dettaglio non è da sottovalutare, considerando che grazie a questo elemento gli investigatori potranno individuare quale possa essere l’arma vera, se trattasi di un congegno artigianale oppure di una vera e propria bomba a mano commerciale (visti i meccanismi di sicurezza da soddisfare per consentire l’esplosione poco probabile).

Nessuna rivendicazione per ora, ma tutti ricordano l’appello del leader separatista ceceno Doku Umarov, che a luglio aveva esortato i ribelli a fare il possibile, per impedire lo svolgimento delle olimpiadi invernali previste per febbraio 2014 a Sochi una località sul Mar nero non distante dalla turbolenta regione Caucasica.

In seguito a quell’appello postato online, i servizi russi avevano aumentato la sicurezza, ma gli attentati sono continuati nelle località confinanti col Caucaso. Sembra evidente che l’intelligence deve migliorare, così come la cooperazione, al fine di prevenire altri attentati terroristici.  

Due mesi fa sempre a Volgograd, un’altra donna Kamikaze originaria del Daghestan si era fatta esplodere su un autobus pieno di studenti, provocando la morte di 7 persone e 2 giorni fa a Pyatigorsk (situata sulle rive del fiume Podkumok sulla pianura a nord della catena montuosa del Caucaso) è esplosa un’autobomba uccidendo 3 persone. Oggi il nuovo ordine del Presidente Vladimir Putin, per rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza in stazioni e aeroporti.  Obiettivo: garantire il successo delle olimpiadi invernali che il Cremlino ha fortemente voluto come vetrina della nuova potenza russa.

© Riproduzione Riservata

Claudio Sciarma

Laureato in Ricerca sociale per la sicurezza interna ed esterna con tesi dal titolo “investigare con il motore di ricerca - Google come strumento di business intelligence". 
Laureato con Lode in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza, sviluppando una tesi in collaborazione con il Ra.C.I.S. di Roma e l’azienda Leica Geosystems sulla ricostruzione della scena del crimine mediante Laser Scanner.
Master in Security Languages.
Certificato in lingua e cultura araba presso la SLEE di Perugia.
Analista di intelligence
Webmaster, webdesigner ed esperto SEO. Specializzato nella rilevazione di frodi telematiche ha collaborato ad alcune attività con il GAT della Guardia Di Finanza. 

Esperto in P.P.A. (Protezione personale avanzata), analisi di attentati, sicurezza internazionale, sicurezza dei trasporti, pianificazione di eventi, analisi dei dispositivi istituzionali internazionali di protezione e scorta.
Volontario in ferma prefissata nell’Esercito Italiano ( 2010 -2012 ), assegnato alla Scuola Lingue Estere dell’Esercito.
Socio Fondatore dell’A.I.S.I.S. Associazione Italiana Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza.
Condirettore editoriale del magazine - online ConVincere.

Website: claudio.sciarma.it
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version