Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

RUSSIA RUN TO VICTORY

Mercoledì, 15 Maggio 2024 16:13

I leader dell’Occidente e dell’Ucraina hanno descritto la guerra in Ucraina come un’accaparramento di terre in stile imperiale, il che dicono, dimostra che la Russia post-sovietica è una delle due maggiori minacce statali alla stabilità globale, insieme alla Cina. Putin, invece, presenta la guerra come parte di una lotta molto più ampia con gli Stati Uniti, che secondo lui ignorarono gli interessi di Mosca dopo il crollo sovietico del 1991 e poi complottarono per dividere la Russia e impossessarsi delle sue risorse naturali. Secondo diplomatici russi e statunitensi, l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin nel 2022 ha innescato la peggiore crisi nelle relazioni tra Russia e Occidente dalla crisi missilistica cubana del 1962. Il generale Sir Richard Barrons ha detto che esiste "un serio rischio" che l'Ucraina perda la guerra quest'anno.

Published in Asia & Pacifico

UKRAINA GAME OVER

Lunedì, 13 Maggio 2024 18:08

Oggi l’Ucraina si trova in una posizione estremamente precaria. La tanto attesa controffensiva dell’estate 2023 è fallita. I litigi sulla strategia hanno diviso le sue élite politiche e militari. Il suo pool di soldati – sia volontari che quelli a portata di mano – ha iniziato a prosciugarsi. La sua economia è nel caos. La volontà dei suoi alleati di mantenere il flusso di armi è in dubbio. Infine, e forse è la cosa più dolorosa, non c’è più la convinzione degli ucraini di poter vincere. Cosa è accaduto durante il secondo anno di guerra per spiegare questo deprimente bilancio? Nell’ultimo anno, Mosca è stata in grado di convertire i suoi maggiori vantaggi dimensionali in vantaggi sul campo di battaglia. La Russia ha un’economia più grande, un’industria degli armamenti più grande e una popolazione più grande di quella dell’Ucraina.

Published in Europa

WATER ON FIRE

Martedì, 07 Maggio 2024 10:20

Le agenzie di intelligence europee hanno avvertito i loro governi che la Russia sta tramando violenti atti di sabotaggio in tutto il continente mentre contemporaneamente si impegna in un conflitto permanente con l’Occidente. "Riteniamo che il rischio di atti di sabotaggio aumenteranno in modo significativo", ha affermato Thomas Haldenwang, capo dell'intelligence interna tedesca. La Russia sembrerebbe intenzionata a portare avanti questo tipo di operazioni sul suolo europeo. E ancora, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha detto: “Putin non si fermerà all’Ucraina”. L’ex direttore della CIA David Petraeus ha detto a Christiane Amanpour della CNN: “Putin non si fermerà qui”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha avvertito:“Lituania, Lettonia, Estonia, Moldavia potrebbero essere i prossimi”, e l’ambasciatrice degli Stati Uniti in Gran Bretagna Jane Hartley ha affermato che “chiunque pensi che la Russia possa fermarsi dopo questo… si sbaglia”. Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis è sulla stessa lunghezza d’onda, avendo affermato:“La Russia non si fermerà. …Putin ha intenzione di andare oltre”. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lanciato lo stesso identico avvertimento nel dicembre 2023, così come ha fatto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Published in Europa

W. W.

Venerdì, 12 Aprile 2024 19:08

L’Ucraina è un campo di battaglia e anche un tavolo di trattative. Un’area di disputa dello “scontro di civiltà” predetto da Samuel Huntington nel vicino ma lontano 1996. L’Ucraina è dove tutto finisce e inizia. È qui che finisce l’eurasiatismo (il sogno di un’Europa da Lisbona a Vladivostok) ed è dove inizia il nuovo capitolo del perpetuum bellum tra Nord America e Russia. Ed è soprattutto un teatro chiave delle operazioni della “Terza World War a pezzi”.

Published in Europa

CITIZEN ARMY

Martedì, 26 Marzo 2024 19:48

È davvero incredibile che un continente, che per gran parte della sua storia moderna è stato coinvolto in guerre intestine, ora sembri essere una delle regioni più stabili del mondo. Dalla fine della seconda guerra mondiale in Europa non si sono più combattute guerre. Questo se si escludono le guerre balcaniche degli anni ’90. la scorsa settimana L'ammiraglio Rob Bauer, presidente del comitato militare della NATO, ha dichiarato che "non è un dato di fatto che siamo in pace" e che questo è "il motivo per cui ci stiamo preparando per un conflitto con la Russia e gruppi terroristici. Grant Shapps, il ministro della Difesa britannico, ha usato un linguaggio ancora più forte, sostenendo che i dividendi della pace della guerra fredda erano finiti e che il Regno Unito e i suoi alleati stavano “passando da un mondo postbellico a uno prebellico”.

Published in Europa

WHITE TORTURE

Lunedì, 11 Marzo 2024 16:16

Nel suo libro White Torture l’attivista per i diritti umani Narges Mohammadi, esprime l'orrore dell'isolamento, descrive la paura e l'ansia sconvolgenti e il paradosso della dipendenza dal proprio carceriere, una sorta di sindrome di Stoccolma. Il libro prende la forma di interviste con altri prigionieri politici ed è stato scritto durante un breve periodo fuori dal carcere. “L’isolamento significa essere rinchiusi in uno spazio molto piccolo. Quattro mura e una porticina di ferro tutte dello stesso colore, spesso bianco. Non c'è luce naturale all'interno della cella. Non c'è aria fresca. Lì non si sente alcun suono e non è possibile parlare o associarsi con altri esseri umani”, così ha scritto. Narges Mohammadi, la voce più articolata e inflessibile del movimento iraniano per i diritti umani, e ora vincitrice del premio Nobel per la pace, Il presidente del Comitato norvegese per il Nobel, Berit Reiss-Andersen, ha affermato che il premio è stato assegnato “per la sua lotta contro l’oppressione delle donne in Iran e per la promozione dei diritti umani e della libertà per tutti”. “La sua coraggiosa lotta ha comportato enormi costi personali”, ha detto Reiss- Andersen di Mohammadi. “Complessivamente, il regime l’ha arrestata 13 volte, condannata cinque volte e condannata a un totale di 31 anni di carcere e 154 frustate”. L’hijab, è diventato il simbolo del conservatorismo del regime teocratico.

Published in Medio Oriente

David and Goliath

Venerdì, 23 Febbraio 2024 21:24

Nella Bibbia, Davide uccise Golia in un unico incontro. Ma in una guerra lunga, per Davide è impossibile sconfiggere Golia. La Russia ha attaccato l’Ucraina il 24 febbraio 2022, con Putin che chiedeva la “smilitarizzazione e denazificazione” dell’Ucraina, dando inizio alla più grande guerra in Europa dal 1945. Lo sforzo iniziale della Russia di catturare Kiev è per ora fallito, ma le linee del fronte sono rimaste relativamente statiche dal 2023 nonostante i primi successi dell’Ucraina. Zelenskyj rimane popolare, anche se non tanto quanto prima. Kiev ha chiarito che non ci saranno elezioni in tempo di guerra e legge marziale, dato che gran parte della popolazione è sfollata, si parla di 20 milioni, e gran parte del territorio ucraino è sotto occupazione.

Published in Europa

B.J. & J.B.

Lunedì, 12 Febbraio 2024 21:02

Boris Johnson e Joe Biden avrebbero fatto fallire le trattative per fermare la guerra nella primavera del 2022? Pochi ora ricordano che la guerra era quasi finita prima ancora di iniziare. Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato attacchi terrestri e aerei contro l’Ucraina su quattro fronti. Il 28 febbraio 2022, funzionari russi e ucraini si sono riuniti a Gomel, in Bielorussia, per avviare i negoziati di pace. I colloqui di pace continuarono a intermittenza per un mese prima di essere interrotti. Vladimir Putin ha recentemente ripetuto l’affermazione secondo cui Boris Johnson avrebbe fatto naufragare i negoziati per un accordo di pace tra Russia e Ucraina nella primavera del 2022. Durante un'attesissima intervista con l'ex commentatore di Fox News Tucker Carlson, la prima intervista fatta a Putin da un giornalista occidentale, a due anni dall’invasione Russa dell’Ucraina il presidente russo ha affermato, che un "enorme documento" era stato preparato e approvato dal capo della delegazione ucraina, prima che Johnson intervenisse. e “dissuase” il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj.

Published in America

FAILED CONTROFFENSIVE

Martedì, 10 Ottobre 2023 13:59

Si prevedeva che la tanto attesa controffensiva ucraina avrebbe sfondato rapidamente le difese russe, ma si è trasformata invece in una situazione di stallo. L'operazione è stata pianificata strategicamente ed eseguita con ottimismo fuorviante, poiché gli strateghi della difesa ucraini hanno sottovalutato la forza dell'avversario. Ci si illudeva che i soldati russi avrebbero abbandonato le loro posizioni e sarebbero scappati dalle trincee durante le prime ondate di contrattacco. Tuttavia, è accaduto il contrario, i russi mantengono le loro posizioni, lanciando occasionalmente contrattacchi e impedendo alle forze di terra ucraine di violare le loro difese. Sono passati già oltre due mesi dal lancio dell’offensiva e l’esercito ucraino deve ancora ottenere guadagni significativi.

Published in Asia & Pacifico

The Philosopher

Domenica, 23 Aprile 2023 13:34

La NATO, acronimo di Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, è la più grande alleanza militare del mondo. È stata fondata nel 1949 da 12 Stati membri - Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti - con l'obiettivo di frenare l'espansione sovietica e incoraggiare l'integrazione politica in Europa. Tra il 1950 e il 1999, altri sette paesi - Grecia, Turchia, Germania Ovest, Spagna, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia - hanno aderito all'alleanza. L'espansione è continuata nel 2004 quando sette stati dell'Europa orientale – Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia – si sono uniti al blocco militare. Di questi, tutti tranne la Slovenia facevano parte del Patto di Varsavia, un trattato di difesa creato nel 1955 tra l'Unione Sovietica e sette stati satelliti. Oggi la NATO comprende 31 nazioni. Solo 5 membri dell'Unione Europea (UE) non sono membri della NATO: Austria, Cipro, Irlanda, Malta e Svezia.

Published in Asia & Pacifico
Pagina 1 di 10
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version