Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

29-04-2024

THE WINNER

Rate this item
(2 votes)

Alla fine, la Camera dei Rappresentanti, ha approvato miliardi di dollari in nuovi aiuti militari statunitensi all'Ucraina, per aiutare a combattere l'invasione russa. La misura, molto ritardata, ha avuto forti oppositori al Congresso e ci è voluto un fragile accordo bipartisan per far approvare il pacchetto da 61 miliardi di dollari.

I repubblicani hanno affermato che più di un terzo sarà dedicato al rifornimento di armi e munizioni. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha definito “vitale” il sostegno americano. Gli aiuti includeranno probabilmente sistemi di difesa aerea, missili a medio e lungo raggio e proiettili di artiglieria. Oltre al rifornimento di armi e sistemi di munizioni, l’Ucraina riceverà anche più di 9 miliardi di dollari di assistenza economica sotto forma di “prestiti condonabili”, cioè che non necessitano di essere rimborsati. Nei due anni trascorsi da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, l’industria della difesa statunitense ha registrato un boom di ordini di armi e munizioni. Gli affari provengono anche dagli alleati europei che cercano di sviluppare le proprie capacità militari, nonché dal Pentagono, che sta acquistando nuove attrezzature dai produttori della difesa al fine di ripristinare le scorte militari esaurite a seguito dei rifornimenti all’Ucraina. Secondo i dati della Federal Reserve, la produzione industriale nel settore spaziale e della difesa statunitense sono aumentati del 17,5% da quando la Russia ha lanciato l’invasione dell’Ucraina due anni fa. I funzionari dell’amministrazione Biden affermano che dei 60,7 miliardi di dollari stanziati per l’Ucraina in un disegno di legge supplementare sulla difesa di 95 miliardi di dollari, il 64% ritornerà effettivamente alla base industriale della difesa statunitense. Gli Stati Uniti sembrerebbero così i maggiori vincitori con il sostegno all’Ucraina. Il 90% della spesa umanitaria per l’Ucraina resta negli Stati Uniti, creando migliaia di posti di lavoro. Sebbene alcuni possano sostenere che gli aiuti statunitensi svaniscono in un pozzo nero di corruzione ucraina incontrollata, uno studio ha dimostrato che, dopotutto, il 90% dei dollari destinati agli aiuti all’Ucraina non vengono effettivamente inviati all’Ucraina. Piuttosto, questi fondi rimangono negli Stati Uniti, dove i principali appaltatori della difesa hanno investito decine di miliardi in oltre 100 nuovi impianti di produzione industriale, creando migliaia di posti di lavoro in almeno 38 stati. Praticamente tutte le munizioni su cui l’Ucraina fa più affidamento sono interamente costruite negli Stati Uniti. Senza dimenticare gli articoli di valore più piccolo come equipaggiamento per la visione notturna, forniture mediche e munizioni per armi leggere, tutti prodotti negli Stati Uniti. Qualsiasi ulteriore aiuto all’Ucraina probabilmente aiuterebbe ancora di più l’economia degli Stati Uniti, dal momento che le precedenti spedizioni di armi erano in gran parte prelievi di vecchie scorte piuttosto che nuove forniture. Dall’altro lato è sorprendente il grado in cui l’Europa si sta facendo avanti dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, condividendo l’onere con gli Stati Uniti. Prima dell’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, solo due paesi europei spendevano più del 2% del loro Pil in spese per la difesa. Ora, 11 membri della NATO spendono più del 2% del loro PIL nella difesa, con alcuni membri come la Polonia che spendono anche più degli Stati Uniti in relazione percentuale del PIL. Bisogna anche osservare che, la crisi ha aumentato notevolmente le esportazioni di gas naturale degli Stati Uniti verso l'Europa, che in passato acquistava più del 40% del suo gas dalla Russia. Nel 2021, le esportazioni di gas naturale della Russia verso l’UE sono ammontate a 192,6 miliardi di metri cubi, pari all’81% delle sue esportazioni totali. Il gas è stato consegnato principalmente tramite un gasdotto che attraversa l'Ucraina e il Nord Stream 1, entrambi interrotti dopo lo scoppio del conflitto. Inoltre, il Nord Stream 2 è ormai morto. Le esportazioni di gas russo verso l’Europa si ridurranno quindi drasticamente e gli Stati Uniti, che hanno registrato un aumento della produzione di gas negli ultimi anni, sono pronti a colmare il divario. In secondo luogo, la crisi rafforzerà il dollaro statunitense. Tutte le crisi geopolitiche che gli Stati Uniti hanno creato, o attivamente istigato negli ultimi due decenni, senza eccezioni, hanno rafforzato la loro valuta. Sulla scia del conflitto Russia-Ucraina, il valore del dollaro aumenterà rendendo gli Stati Uniti un santuario finanziario poiché l’Europa non è più sicura. In terzo luogo, la crisi ha interrotto il commercio bilaterale tra la Russia e l’UE, il principale partner commerciale della Russia. Mentre i membri dell’UE si uniscono per sanzionare la Russia e alcune banche russe vengono escluse dal sistema SWIFT (sistema per facilitare i pagamenti internazionali), il commercio bilaterale si ridurrà in modo significativo, il che è esattamente ciò di cui gli Stati Uniti hanno bisogno.

E, in finale non bisogna dimenticare una cosa ancora più importante, il conflitto ha creato grande ansia tra i paesi europei riguardo alla sicurezza del continente, aumentando di conseguenza la loro dipendenza dalla NATO e, in ultima analisi, dagli Stati Uniti.

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

More in this category: « STORMY TRUMP
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version