Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

Iniziate iniziative di riavvicinamento di alcuni Paesi arabi verso la Siria. Sebbene la visita del ministro degli Esteri degli Emirati a Damasco non sia stata una sorpresa poiché gli Emirati sono sempre stati favorevoli al ricongiungimento con la Siria, è comunque un'importante dimostrazione del potenziale per Damasco di tornare alla Lega araba.

La posizione degli Emirati sulla Siria ha preso una svolta radicale quando il paese del Golfo ha preso posizioni forti contro i gruppi islamici che hanno preso il potere in alcuni paesi arabi durante la primavera araba. Il conflitto tra Emirati Arabi Uniti e Turchia ha spinto anche Abu Dhabi a cambiare posizione in base alla regola; Il nemico del mio nemico è mio amico.

Molti degli ostacoli all'inclusione della Siria sono cambiati. Non c'è un chiaro veto da parte dell'Arabia Saudita, che è la posizione critica sia a livello del Golfo che a livello arabo. Sebbene la posizione degli Stati Uniti sia ancora poco chiara, ma non vi è nemmeno un chiaro veto, nonostante le sanzioni nel Caesar Syria Civilian Protection Act, la riconciliazione politica è difficile. L'assenza di una chiara iniziativa degli Stati Uniti nei confronti della Siria incoraggerà i paesi a iniziare a prendere provvedimenti, alcuni potrebbero persino pensare che così facendo gli Stati Uniti saranno obbligati ad accettare questi passi.

Published in Medio Oriente

Questa settimana abbiamo visto un accordo per riprendere le spedizioni di gas naturale dall'Egitto al Libano attraverso l'Arab Gas Pipeline che si estende dall'Egitto attraverso la Giordania e la Siria fino al Libano. I ministri dell'Energia dei quattro Paesi si sono incontrati in un incontro ufficiale ad Amman per raggiungere l'accordo, che promette bene non solo per risolvere parte della grave carenza energetica del Libano, ma perché rappresenta anche un'opportunità sia per la Giordania che per la Siria. Ci sono molte domande sulla probabilità di successo di questo progetto, in particolare data la necessità di stabilità e cooperazione per la sicurezza, che richiederà anche una cooperazione più ampia e un impegno politico ufficiale.

Published in Medio Oriente

I recenti avvenimenti accaduti nel sud della Siria, in particolare nella città di Daraa, hanno causato il rallentamento della piena riapertura del confine con la Giordania, concordata di recente. L’intensificarsi del conflitto e il ritardo nell’apertura di questa importante rotta commerciale potrebbero avere impatti più ampi se non si troveranno al più presto soluzioni valide ed efficaci.

Si prevede che il governo siriano voglia consolidare la sua posizione sulla provincia meridionale, che è strategica, con un occhio a un’ulteriore normalizzazione; poiché sarà difficile riaprire completamente i confini in assenza della piena sovranità statale su questa regione. Quindi, strategicamente l’assalto a Daraa ha senso, in particolare dopo il crollo del piano di riconciliazione di Damasco per la città.

Published in Medio Oriente

Oggi 16 gennaio sono 30 anni dallo scoppio della prima guerra del Golfo, in cui la coalizione internazionale attaccò l’Iraq di Saddam Hussein. L’inizio della guerra e la sua rapida evoluzione non diedero la percezione all’uomo comune di quali sarebbero state le sue conseguenze, nel breve, medio e lungo periodo. Questa guerra in realtà avrebbe cambiato per sempre il volto della regione mediorientale inaugurando una stagione di instabilità che ancora oggi persiste.

Published in Medio Oriente

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Domenica, 19 Luglio 2020 21:24

I recenti sviluppi nel sud della Siria dimostrano la crescente minaccia dei gruppi terroristici e criminali nell'area e la necessità di prestare maggiore attenzione all'evolversi della situazione. Questo è un rischio crescente di instabilità proprio ai confini della Giordania e sta aumentando la minaccia alla sicurezza nelle sue principali città. L'instabilità non è semplicemente il risultato di minacce alla sicurezza, ma anche le difficoltà economiche che le persone vivono e l'apparente mancanza di politiche o strategie per misure preventive per gestire il rischio.

Published in Medio Oriente

Le sfide in Medio Oriente continuano mentre la regione sembra affrontare una nuova ondata di destabilizzazione da Libano, Siria, Iraq e Cisgiordania.

La crisi politica libanese sembra intensificarsi man mano che la crisi economica si fa più acuta. Ciò sta portando alla riemersione di domande sul concetto di equilibrio politico finemente equilibrato dello stato e sulla sua idoneità allo scopo nel nuovo panorama regionale e globale. Alcuni suggerimenti suggeriscono la necessità di nuovi attori politici e potenziali strutture per far fronte alle sfide poste dall'ambiente post-COVID.

Published in Medio Oriente

Mentre il mondo si è concentrato sulla gestione di COVID-19 e le risorse dell'apparato di sicurezza hanno affrontato l'epidemia, trasformando le istituzioni in modo da applicare restrizioni e mantenere le distanze sociali, le minacce alla sicurezza più tradizionali hanno operato con meno pressione e in crescita. Tracciare i segni delle attività terroristiche negli ultimi mesi suggerisce che continuano a operare in tutta la regione, dalla Somalia alla Siria, dalla Libia all'Iraq, all'Egitto, allo Yemen, all'Afghanistan e in tutta l'Asia centrale.

Published in Medio Oriente

Primo stop al sultano di Ankara

Domenica, 08 Marzo 2020 11:32

La crisi in Siria. Erdogan il Covid 20 dell’ Europa. Come se non bastasse il 19!

Dopo l’annunciato vertice del 5 Marzo, giovedì, la Turchia e la Russia hanno confermato un cessate il fuoco a Idlib, l’ultima enclave dell’opposizione al governo della Siria, accettando, tra l’altro, di stabilire un corridoio di sicurezza con pattuglie di controllo composte di personale di entrambi i paesi. L’annuncio è arrivato dopo un incontro di quasi sei ore tra i leader dei due paesi a Mosca.

Published in Medio Oriente

Due gli scenari possibili in Siria: un’affermazione turca oppure una vittoria russo-siriana. In entrambi i casi l’Unione Europea può solo fare da spettatore impotente

La situazione già critica dei migranti che cercano di attraversare le frontiere della Turchia per arrivare in Europa si fa sempre più drammatica. È infatti di stamattina la notizia della morte di un giovane siriano che cercava di forzare il blocco al confine ed è stato, purtroppo, ucciso dalla polizia greca. Il presidente turco Erdogan annuncia che la Turchia non chiuderà più le sue frontiere e che lascerà passare tutti i migranti senza controlli specifici. Una bomba umanitaria che sta facendo il giro delle cancellerie di mezza Europa.

Published in Medio Oriente

La Turchia apre le porte dell’Europa ai suoi 3,6 milioni di rifugiati siriani.

Migliaia di migranti cercano di prendere d’assalto il confine greco dopo che la Turchia ha dichiarato che non impedirà ai suoi 3,6 milioni di rifugiati di raggiungere l’Europa.

Ankara ha giurato di non impedire ai migranti di raggiungere il continente e la Grecia è stata costretta a usare i gas lacrimogeni sulle folle ai suoi confini.

Published in Medio Oriente
Pagina 1 di 8
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version