Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

19-07-2020

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Rate this item
(3 votes)

I recenti sviluppi nel sud della Siria dimostrano la crescente minaccia dei gruppi terroristici e criminali nell'area e la necessità di prestare maggiore attenzione all'evolversi della situazione. Questo è un rischio crescente di instabilità proprio ai confini della Giordania e sta aumentando la minaccia alla sicurezza nelle sue principali città. L'instabilità non è semplicemente il risultato di minacce alla sicurezza, ma anche le difficoltà economiche che le persone vivono e l'apparente mancanza di politiche o strategie per misure preventive per gestire il rischio.

Il rischio di una maggiore instabilità nelle regioni frontaliere per la Giordania è elevato, con il potenziale per le nuove ondate di rifugiati che inondano il confine, esercitando un'ulteriore pressione economica su un'economia già fragile. Esistono anche chiari rischi per la sicurezza nella città di Daraa, poiché l'illegalità e la lotta creano un terreno fertile per la criminalità e il terrorismo. L'instabilità, unita alle difficoltà economiche, potrebbe anche portare a un numero crescente di locali che si uniscono a gruppi terroristici, poiché al momento vi è una ristrutturazione di questi gruppi e il reclutamento sarà in cima alla loro lista di priorità.

Ciò crea una duplice sfida per la Giordania, con frustrazione sociale a causa delle difficoltà economiche combinate con un aumentato rischio di attività terroristiche e criminali che cercano di usare i confini della Giordania per esportare la loro violenza. La migliore risposta della Giordania alla situazione richiede molto più che un'osservazione della situazione, ha bisogno di un'attenta considerazione delle questioni. Le misure giordane dovrebbero prendere in considerazione il più ampio contesto di instabilità regionale e difficoltà economiche interne e creare un percorso per creare un futuro migliore nonostante ciò che i nemici vogliono creare, sviluppando un approccio che consideri come reagiranno questi gruppi. 

Numerosi incidenti in tutto il paese dimostrano l'impatto delle difficoltà economiche e della diffusione della propaganda criminale e terroristica. Questi incidenti non implicano necessariamente il confronto con i servizi di sicurezza, ma piuttosto l'uso della pressione sociale per provocare instabilità e difficoltà nelle proteste e rivolte basate sull'insoddisfazione delle politiche pubbliche e del sistema politico. Non solo stanno causando problemi, ma stanno anche usando il caos e la privatizzazione per reclutare e crescere.

Le persone in queste città di confine sono particolarmente preziose per questi gruppi, in quanto aiutano a rendere i confini più porosi, aumentando anche le dimensioni dei gruppi. Dal punto di vista della sicurezza nazionale, città come Ramtha devono essere percepite per quello che sono. Ramtha confina con la città siriana di Daraa, quindi le persone hanno legami profondi con i loro vicini siriani che risalgono a generazioni, rendendo i confini più porosi di quanto i funzionari vorrebbero. Poiché i gruppi criminali e terroristici stanno cercando di ristabilirsi, queste città di confine sono facili bersagli.

Ricostruire le relazioni con la Siria attraverso una visione costruttiva progressiva che ha il consenso degli attori internazionali, concentrarsi sul miglioramento delle relazioni con l'Iraq ed essere attivi sulla scena palestinese con tutte le parti e i protagonisti sono tutti molto importanti per un paese come la Giordania oggi. Il rischio di politiche negative o persino neutrali nei confronti della Giordania è elevato, in quanto potremmo diventare una conseguenza delle dinamiche regionali piuttosto che un partecipante o un decisore in essa. Dobbiamo prendere l'iniziativa, aumentare il nostro valore politico tra i nostri alleati e gli attori regionali.

La Giordania ha bisogno di un approccio pragmatico per affrontare queste sfide. Costruire alleanze non è facile né veloce in questi conflitti multidimensionali e multilaterali.

Tuttavia, non è troppo tardi per la Giordania di prendere le misure necessarie per proteggere i suoi confini e svolgere un ruolo chiave nel plasmare il futuro della Siria dopo il conflitto. I primi passi per il cambiamento devono iniziare con la Giordania.

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website: amersabaileh.blogspot.com
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version