Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

10-10-2023

FAILED CONTROFFENSIVE

Rate this item
(2 votes)

Si prevedeva che la tanto attesa controffensiva ucraina avrebbe sfondato rapidamente le difese russe, ma si è trasformata invece in una situazione di stallo. L'operazione è stata pianificata strategicamente ed eseguita con ottimismo fuorviante, poiché gli strateghi della difesa ucraini hanno sottovalutato la forza dell'avversario. Ci si illudeva che i soldati russi avrebbero abbandonato le loro posizioni e sarebbero scappati dalle trincee durante le prime ondate di contrattacco. Tuttavia, è accaduto il contrario, i russi mantengono le loro posizioni, lanciando occasionalmente contrattacchi e impedendo alle forze di terra ucraine di violare le loro difese. Sono passati già oltre due mesi dal lancio dell’offensiva e l’esercito ucraino deve ancora ottenere guadagni significativi.

Con la situazione attuale, l’attesissima controffensiva è destinata a fallire. I principali motivi del fallimento sono che all’Ucraina mancava la componente chiave, ovvero la supremazia aerea sul campo di battaglia. In secondo luogo, l'operazione è iniziata troppo timidamente e troppo tardi. L’Ucraina nutriva grandi speranze nei 36.000 soldati addestrati all’estero, organizzati in nove brigate per invertire la tendenza e sconfiggere i russi attraverso l’impiego di tattiche armate combinate. Tuttavia, le truppe ucraine addestrate all’estero non sono state in grado di eseguire le operazioni armate combinate con l’effetto desiderato. Uno dei motivi è la mancanza di un addestramento adeguato, poiché le unità venivano addestrate in fretta nel giro di pochi mesi senza tempo per valutare l’addestramento in esercitazioni militari formali su larga scala prima di lanciarle sul campo di battaglia. Nessuna forza può subire una trasformazione completa del suo tradizionale modo di combattere nel giro di pochi mesi. Inoltre, è stato difficile per i soldati ucraini abbandonare l’addestramento sovietico vecchio di decenni e adottare rapidamente lo stile di guerra occidentale. Per cambiare un simile impegno sono necessari anni di formazione e non solo mesi. Inoltre non hanno ottenuto la superiorità aerea o il supporto aereo ravvicinato, piuttosto sono stati continuamente attaccati dal cielo perché l’aeronautica ucraina non aveva la potenza di fuoco per sfidare gli aerei in arrivo e attaccare gli elicotteri. Gli elicotteri d’attacco russi K-52 hanno danneggiato in modo significativo i veicoli corazzati dell’Ucraina e ne hanno ostacolato l’avanzata. Ciò dimostra che l’Ucraina era in posizione di svantaggio fin dall’inizio dell’operazione. Oltre ciò, i pianificatori militari ucraini hanno dimenticato di tenere in considerazione che la Russia ha imparato molto dalle riuscite controffensive di Kherson e Kharkiv dello scorso anno, nelle quali l’Ucraina ha riconquistato un numero considerevole di territori perduti. Le battute d’arresto hanno spinto i russi a optare per una strategia in cui possono mantenere il territorio ucraino conquistato anche se l’Ucraina avesse lanciato un’altra offensiva. Ciò ha portato all’adattamento da parte della Russia della strategia della guerra di trincea iniziata lo scorso novembre. I russi hanno avuto mesi per la creazione di posizioni difensive lungo l’intero fronte di 1.000 km, hanno creato barriere difensive comprendenti trincee e ostacoli vari. Queste barriere difensive includono campi minati, denti di drago, filo spinato, fossati e strati di trincee per rallentare il potenziale assalto ucraino. Un rapporto dell’intelligence britannica pubblicato all’inizio di quest’anno lo ha definito “il più vasto sistema di opere difensive militari visto ovunque nel mondo da molti decenni”. Questa strategia ha costretto la controffensiva dell’Ucraina a una posizione di stallo e ha dato ai russi tutto il tempo per rafforzare le loro difese, inoltre l’Ucraina non aveva la potenza di fuoco necessaria per cacciare i russi dalle loro posizioni difensive. L’Ucraina ha ricevuto aiuti dagli alleati, principalmente carri armati di prima linea (Leopards e Abrams) e veicoli da combattimento di fanteria per l’offensiva, ma i numeri non  erano sufficienti, per lanciare e sostenere un’offensiva lungo un fronte di 1.000 km sono necessarie più di poche dozzine di carri armati. In aggiunta, gli ucraini non dispongono di una quantità adeguata di attrezzature per lo sminamento necessarie per sminare tempestivamente l’intera area. Non solo le attrezzature, ma anche la carenza di soldati è un altro problema. Solo un miracolo può trasformare la sconfitta in un successo perché l’Ucraina ha perso una grande quantità di attrezzature occidentali in prima linea durante la controffensiva.  Se aggiungiamo infine l’arrivo dell’inverno, la controffensiva ucraina sembrerebbe inevitabilmente destinata a fallire.

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version