Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

22-03-2024

WHERE IS MR. JOHNSON NOW?

Rate this item
(3 votes)

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato attacchi terrestri e aerei contro l’Ucraina su quattro fronti. Il 28 febbraio 2022, funzionari russi e ucraini si sono riuniti a Gomel, in Bielorussia, per iniziare a negoziare la pace. I colloqui di pace continuarono a intermittenza per un mese prima di essere interrotti. Infatti sembrerebbe proprio che solo poche settimane dopo l’inizio della guerra, l’Ucraina era pronta a firmare un accordo con la Russia durante i colloqui di pace a Istanbul fino a quando le potenze occidentali, guidate dall’ex primo ministro britannico Boris Johnson, ordinarono a Kiev di annullare l’accordo. Si sostiene quindi che la colpa della guerra oltre quel punto spetti all’Occidente e che gli alleati dell’Ucraina non siano altro che guerrafondai. Le accuse contro Johnson sono emerse dopo che David Arahamiya, leader della fazione del partito Servitore del popolo nella Verkhovna Rada e capo della delegazione ucraina nei colloqui con la Russia, ha rilasciato diverse dichiarazioni forse un po' controverse nel novembre 2023. In un’intervista con la giornalista ucraina Natalia Moseychuk, Arahamiya ha citato varie ragioni riguardo la decisione di Kiev di non negoziare con Mosca nel 2022, inclusa la visita inaspettata di Johnson a Kiev. Secondo il deputato, mentre a Istanbul era in corso un ciclo di colloqui, Boris Johnson è arrivato a sorpresa a Kiev il 9 aprile 2022 e ha detto che l’Ucraina “non dovrebbe firmare nulla con i russi – combattiamo e basta”. Ha anche rivelato che la Russia ha proposto di porre fine alla guerra nella primavera del 2022 a condizione che l’Ucraina abbandoni le sue aspirazioni nella NATO e adotti una posizione neutrale. “Erano pronti a porre fine alla guerra se avessimo adottato – come fece una volta la Finlandia – la neutralità e ci fossimo impegnati a non aderire alla NATO.

Questo era il punto chiave”, ha aggiunto. Intervenendo ulteriormente e spiegando il rifiuto di Kiev di accettare la proposta, Arakhamia ha affermato che sarebbe necessario un cambiamento costituzionale, dato che la Costituzione dell’Ucraina dichiara l’intenzione di diventare membro della NATO. L'Ukrainska Pravda ha riferito che in quella fase la parte russa aveva espresso la propria disponibilità per un incontro tra il presidente Volodymyr Zelenskyj e il presidente russo Vladimir Putin. Durante un'attesissima intervista con l'ex commentatore di Fox News Tucker Carlson, il presidente russo ha affermato, che un "enorme documento" era stato preparato e approvato dal capo della delegazione ucraina, prima che Johnson intervenisse per “dissuadere” il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj. Putin ha detto di Zelenskyj: "Ha messo la sua firma e poi ha aggiunto: 'Eravamo pronti a firmarlo anche noi e la guerra sarebbe finita molto tempo fa'. Tuttavia, il primo ministro Johnson è venuto a dissuadere, e abbiamo perso questa occasione." Alla domanda su cosa pensasse Johnson, Putin ha riso, rispondendo: “Lo sa, non lo capisco nemmeno io”. Arakhamiya, ha quindi concluso avremmo potuto fermare quelle ostilità con la guerra già due anni fa. “Ma gli inglesi ci hanno convinto e noi abbiamo rifiutato. Dov'è il signor Johnson adesso? E la guerra continua”. Le teorie del complotto sul potenziale coinvolgimento di Johnson nei negoziati di pace tra le due nazioni erano state precedentemente sbandierate dal candidato alla presidenza degli Stati Uniti Robert F Kennedy Jr. Kennedy scrisse su Twitter/X nel giugno 2023: “Sembra che l’amministrazione Biden abbia incaricato Boris Johnson di far naufragare un provvisorio accordo di pace tra Russia e Ucraina nella primavera del 2022. Non si è mai trattato del popolo ucraino. Si trattava sempre di organizzare una guerra contro la Russia”. L’ex primo ministro britannico Boris Johnson ha respinto con forza le accuse di aver interferito nei negoziati di pace tra Ucraina e Russia nella primavera del 2022. In un’intervista al Times, le ha etichettate come “totale assurdità” e “propaganda russa”. Johnson ha affermato che, durante una conversazione con il presidente ucraino Zelenskyj in seguito ai colloqui di pace di Istanbul, ha semplicemente “espresso preoccupazione” sulla natura del potenziale accordo. Ha assicurato Zelenskyj del sostegno incrollabile del Regno Unito all’Ucraina, affermando che il Paese lo sosterrà “al mille per cento” Ha detto: “Nessuna proposta di pace o accordo di pace era possibile nel febbraio o nel marzo 2022. La Russia è entrata in Ucraina esclusivamente per il gusto di conquistare territori, uccidere cittadini e rovesciare un governo democratico”. Il mese scorso, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha affermato che “la Gran Bretagna aveva sprecato le possibilità di un accordo di pace nel 2022 esercitando pressioni su Kiev affinché rifiutasse una bozza di accordo” poco dopo che la Russia aveva inviato truppe in Ucraina. Cosa è successo realmente nel periodo febbraio-marzo 2022? E cosa ci dice riguardo alla prospettiva della pace oggi? Reuters ha riferito che il portavoce del Cremlino Peskov ha affermato che la Russia interromperebbe le sue operazioni “in un attimo” se l’Ucraina sancisse la neutralità nella sua Costituzione e accettasse la perdita della Crimea e delle regioni separatiste del Donbas.

Mario Neri

Laureato in giurisprudenza ed in scienze giuridiche. Master di II livello in scienze criminologiche.

Esperto di diritto internazionale e di programmi relativi al mantenimento della pace nelle aree di crisi.

Ufficiale in congedo dell’Esercito “ Folgore “. Analista nelle politiche di intelligence.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version