Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

28-05-2020

Realismo politico fondamentale per affrontare le sfide Giordania-Israele

Rate this item
(2 votes)

La Giordania continua ad affrontare sfide interne e regionali e, con l'avvicinarsi dell'annessione della Cisgiordania e della Valle del Giordano annunciata dal governo israeliano, ciò aggiunge ulteriori sfide ai problemi che la Giordania deve affrontare. Nonostante ciò, è fondamentale iniziare una considerazione realistica su come contenere e gestire questo problema, se dovesse diventare una realtà nel prossimo futuro.

Qualsiasi approccio giordano a questo problema deve considerare l'efficienza e la sostenibilità del tasso di crescita interno che non può essere alimentato solo con risorse locali. Il vantaggio strategico della Giordania è nella sua geografia, ma mentre il mondo è cambiato e anche le relazioni con i vicini sono cambiate, la geografia non è cambiata. Pertanto, è importante iniziare a considerare e sviluppare strategie per ripristinare le relazioni e creare nuove opportunità.

Con i nuovi sviluppi e le tensioni diplomatiche con Israele, la Giordania si trova nel mezzo di un disaccordo su una serie di questioni che hanno portato il trattato di pace al suo peggior status economico e diplomatico. Mentre teoricamente l'esistenza del trattato di pace ed essere un alleato vitale per gli Stati Uniti nella regione avrebbe dovuto mettere la Giordania in un ruolo chiave nel colmare le visioni tra israeliani e palestinesi e informare la posizione americana, il divario fondamentale tra i due popoli significa che La Giordania non è stata in grado di mitigare la dinamica attuale. Nella sua recente intervista al quotidiano tedesco Der Spiegel, Sua Maestà il re Abdullah ha rifiutato di accettare l'annessione unilaterale israeliana della Cisgiordania e della Valle del Giordano, suggerendo che ciò potrebbe portare a un "conflitto di massa". Ciò non significa necessariamente impegno militare, ma molto probabilmente si riferisce al massiccio conflitto di interessi tra le parti.

È inoltre fondamentale che tutte le parti valutino la possibilità di conflitto e i suoi fattori scatenanti. Da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato a intervenire nella regione, sono state incrociate alcune linee che erano precedentemente intollerabili. Ciò è dimostrato dal riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, al riconoscimento della sovranità israeliana sulle alture del Golan e ora al consenso dell'annessione israeliana della Cisgiordania e della Valle del Giordano.

La storia recente suggerisce che il governo israeliano si senta autorizzato a fare questo passo successivo, quindi tutte le parti devono essere pronte ad affrontare le nuove realtà e il loro impatto. Ci saranno chiaramente sfide per la sicurezza, così come le necessarie revisioni del processo di pace, e potenzialmente il più critico è l'accordo sull'acqua necessario intorno al fiume Giordano che fa parte dell'accordo di pace israelo-giordano vecchio di decenni. Israele sta già rilasciando l'acqua nei secchi mesi estivi quando la Giordania ne ha bisogno nei suoi centri urbani, come Amman. Ciò aumenterà le tensioni e le sfide con la Giordania che gestisce questo conflitto di interessi.  In risposta alle preoccupazioni di Sua Maestà, un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha assicurato che gli Stati Uniti e la Giordania intrattengono rapporti molto stretti, evidenziando il ruolo che la Giordania svolge in Medio Oriente. Allo stesso tempo, il portavoce ha sottolineato la posizione degli Stati Uniti dicendo: “Ciò che vogliamo sia per Israele che per la Giordania è una relazione che non è solo forte a livello di sicurezza, ma che è anche forte a livello diplomatico e economico. ”

Nel restringere le due visioni è anche fondamentale che gli israeliani comprendano i rischi che la Giordania indica non solo come rischi legati alla Giordania, ma per la regione e con impatto diretto su entrambe le parti. Mantenere il coordinamento della sicurezza ed evitare posizioni ostili è altrettanto importante per entrambi i paesi.

La Giordania funge da cuscinetto di sicurezza di vitale importanza per Israele, ancora una volta la geografia della Giordania è la sua risorsa chiave.

La Giordania deve adottare un approccio pragmatico per affrontare queste sfide. Costruire alleanze non è facile né veloce in questo conflitto multidimensionale e multilaterale. Tuttavia, non è troppo tardi per la Giordania di prendere le misure necessarie per consolidare un ruolo regionale come facilitatore e posizionarsi come un hub stabile per risorse e logistica. Questo potrebbe essere l'unico modo per la Giordania di massimizzare la sua utilità e, quindi, influenzare gli alleati e sfruttare la situazione attuale per sviluppare l'economia e uno sviluppo interno.

Le sfide si presentano davanti alla Giordania ed è poco saggio aspettare e reagire poiché hanno un impatto sul paese internamente mentre i rischi si trasformano e sfuggono al controllo molto rapidamente. La politica intelligente e ponderata è l'unico approccio efficace che la Giordania può adottare per affrontare le sue sfide locali al fine di esercitare un certo controllo sui fattori esterni che stanno creando le minacce interne. La forza della Giordania sta nelle sue forti alleanze, nella capacità e nella posizione di riunire gli attori regionali, sia per risolvere le differenze quando si tratta del conflitto israelo-palestinese, sia per ricostruire il futuro di Iraq e Siria.

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website: amersabaileh.blogspot.com
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version