Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

29-12-2020

Lezioni da un decennio dopo la primavera araba

Rate this item
(2 votes)

Quest'anno ricorre il decimo anniversario degli eventi che hanno innescato la Primavera araba. Da quel momento, un nuovo ordine politico regionale si è sviluppato in tutta la regione araba e ha portato a un progressivo cambiamento delle priorità in Medio Oriente. Il passaggio dalla democrazia imposta alle rivoluzioni guidate dai cittadini per la democrazia e la libertà ha portato alla singolare priorità della lotta al terrorismo. Allo stesso modo, l'imposizione ideologica della democrazia e della libertà si è trasformata in pragmatismo economico. Nel frattempo, la stabilità interna è diventata la principale priorità dei responsabili politici poiché il disordine sociale potrebbe creare un terreno fertile per gravi rischi per la sicurezza, inclusi criminalità organizzata e gruppi terroristici, e per impostazione predefinita creare il potenziale per il rovesciamento dei regimi. Sebbene le difficoltà economiche siano un problema serio, i responsabili delle decisioni devono anche tenere a mente la delicata situazione regionale e le potenziali implicazioni per i loro paesi.

Una revisione dell'ultimo decennio suggerisce che molti paesi stanno soffrendo di più, politicamente, socialmente ed economicamente. Ma è importante notare che il divario tra l'élite politica e la gente comune si sta espandendo, poiché la mancanza di fiducia e credibilità sembra dominare la scena politica quando si tratta di governi e cittadini. Quest'anno, COVID-19 ha anche aumentato il livello di sfiducia nei confronti dei governi e ha creato un senso di governo come fonte della loro miseria, frustrazione economica e, soprattutto, come oppressore delle loro libertà. In quanto tale, è fondamentale garantire che le politiche del governo non privino le persone del diritto di voto e promuovano sentimenti anti-statali. Allo stesso tempo, i gruppi criminali e terroristici transfrontalieri stanno aggiungendo ulteriori sfide alla complicata situazione lavorando sulla manipolazione dei gruppi emarginati e dei margini della società. Quindi, le politiche che creano tensione e alienazione creeranno un pool più ampio di persone da cui questi gruppi potranno reclutare e destabilizzare ulteriormente la sicurezza interna.

La Giordania è riuscita ad affrontare l'ondata della Primavera araba, ma allo stesso tempo sta ancora chiaramente affrontando gravi sfide su tre livelli. A livello internazionale, il potere della Giordania sta nella sua politica e nella sua capacità di posizionarsi per un ruolo tra i suoi potenti alleati a livello politico regionale, e in particolare con il processo di pace e il potenziale per alcune opzioni da imporre alla Giordania. Nel frattempo, la situazione critica per la Giordania deve essere quella di concentrarsi su confini, rifugiati e sicurezza. Internamente, la Giordania ha dovuto affrontare due grandi rivolte, nel 1989 e nel 1996, che anticipavano di anni la Primavera araba, e dimostra che la situazione della Giordania deve essere vista da una posizione che consideri la delicatezza della situazione e gli elementi che potrebbero innescare una rivolta.

Per gestire questi rischi, la Giordania ha bisogno di un piano migliore per la creazione di ricchezza tra la sua popolazione. Ciò non può avvenire senza un piano equilibrato per sviluppare industrie nuove ed esistenti in tutto il paese e facilitare una popolazione più distribuita al fine di sfruttare il potenziale e offrire alle persone più spazio in cui vivere. A livello regionale, la posizione geografica della Giordania è stata utilizzata per il suo vantaggio attraverso il posizionamento politico per molti anni, e ora l'attenzione deve essere spostata per utilizzare quella posizione per un vantaggio economico, impegnandosi con i suoi vicini e utilizzando confini condivisi per interessi economici condivisi. Ciò richiede una seria revisione della politica estera giordana in quanto deve affrontare crescenti ostacoli nella regione.

La Giordania deve rivedere le sue strategie politiche.

Una crescita e un cambiamento efficaci e sostenibili non possono essere alimentati solo con le risorse locali. Il potere che Jordan esercita, come sempre, è nella sua geografia, ma il mondo è cambiato e la Giordania deve trovare un ruolo per sfruttare il suo vantaggio basato sul mondo di oggi e su dove sta andando. I progetti su larga scala nei trasporti, nell'agricoltura e in altre industrie locali sono i pilastri per qualsiasi miglioramento di successo. I giordani sono resilienti e possono resistere alle difficoltà economiche, ma deve esserci un percorso chiaro verso il successo e il cambiamento affinché possano continuare. In caso contrario, gli impatti psicologici dell'impotenza metteranno a rischio la sicurezza interna e la stabilità della Giordania.

A livello internazionale, la forza della Giordania sta nelle sue forti alleanze con gli Stati Uniti, l'UE e la NATO, e la capacità e la posizione di riunire gli attori regionali, sia per la risoluzione delle divergenze, sia per la ricostruzione del futuro dell'Iraq e della Siria. Mentre le relazioni della Giordania con i paesi del Golfo, principalmente gli Emirati Arabi Uniti, sono sempre state eccellenti, è fondamentale adottare un approccio strategico allo sviluppo e alla continuazione dell'impegno basato su interessi reciproci. Questo approccio dovrebbe far parte di una più ampia strategia giordana per ristabilire relazioni essenziali ed efficaci con i principali paesi regionali, come l'Arabia Saudita, l'Iraq e persino la Siria.

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website: amersabaileh.blogspot.com
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version