Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

11-04-2022

Relazioni aperte importanti per un ruolo significativo nel processo di pace

Rate this item
(3 votes)

Le recenti attività segnano un nuovo capitolo nelle relazioni giordano-israeliane. Mentre il trattato di pace tra i due paesi è in vigore da più di 28 anni, le relazioni hanno sofferto molto negli ultimi anni a livello ufficiale. Tuttavia, c'è stato un notevole miglioramento da quando il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha lasciato l'incarico.

Il rischio di destabilizzazione in Cisgiordania durante il mese sacro del Ramadan sembra essere preso sul serio dalla Giordania, che ha intensificato il livello di coordinamento sia con gli israeliani che con i palestinesi nel tentativo di raffreddare la crescente tensione a Gerusalemme e nella Cisgiordania occupata.

Per la Giordania, questo è legato al ruolo che svolge come custode della moschea di Al Aqsa e, soprattutto, alla sicurezza nazionale del paese, considerando che le tensioni nei territori occupati durante il mese sacro hanno il potenziale per innescare un'altra escalation come quella di maggio dello scorso anno, quando le operazioni a Gaza hanno causato lo scoppio di tensioni a Gerusalemme Est. L'escalation della sicurezza in Cisgiordania e Gaza ha innescato massicce manifestazioni e proteste in Giordania, e questa è l'ultima cosa che la Giordania vorrebbe affrontare nell'era post-COVID quando c'è già frustrazione economica e politica, inflazione e disoccupazione, tutti fattori che potrebbero portare al collasso della società.

Evitare qualsiasi tumulto, destabilizzazione ed escalation di violenza in Cisgiordania è una delle principali sfide per la Giordania ora, quindi la sua priorità è contenere la situazione in Cisgiordania per prevenire qualsiasi ricaduta. Questo potrebbe spiegare perché la Giordania sta capitalizzando il rapporto con il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz; quando la sicurezza è la priorità, forse i funzionari della sicurezza hanno una migliore comprensione di quanto potrebbero essere critiche le tensioni infiammanti in Cisgiordania.

Allo stesso tempo, è anche importante che la Giordania adotti un approccio flessibile alla diplomazia con tutti i paesi e gruppi. Nella maggior parte delle visite dichiarate, sembra che gli israeliani che vengono appartengano allo stesso blocco politico, la sinistra, nonostante il vero problema per la Giordania sia l'ala destra dell'establishment politico israeliano. In quanto tale, è importante che la Giordania abbia accesso a entrambi i lati dello spettro politico, abbia un rapporto aperto con Israele e comunichi apertamente con i funzionari israeliani. Questo vale anche per i partiti palestinesi rivali Fatah e Hamas; la Giordania deve proteggere i suoi interessi e massimizzare la sua capacità di influenzare sia la scena politica israeliana che quella palestinese.

Le mosse giordane sono spinte da preoccupazioni per la sicurezza e la stabilità, in particolare in Cisgiordania, dove le tensioni sono aumentate nelle settimane precedenti il Ramadan. Se la Giordania riuscirà a disinnescare qualsiasi possibile crisi convincendo gli israeliani ad allentare le misure, specialmente nella moschea di Al-Aqsa, durante il Ramadan, questo potrebbe essere visto come una pietra miliare che contribuirà a migliorare le relazioni e a spingere per nuovi colloqui di pace tra palestinesi e israeliani.

Le sfide per la Giordania sono serie, poiché contenere la situazione della sicurezza potrebbe non essere facile; ecco perché la Giordania deve avere un canale aperto di dialogo con i vari protagonisti in Israele e Palestina. Limitare il dialogo a determinate cifre limiterà la capacità della Giordania di influenzare e garantirsi un ruolo in questa situazione tesa.

Dopotutto, un successo garantito di qualsiasi mediazione richiede canali aperti con tutte le parti in conflitto.

Lo scrittore è un professore universitario giordano ed esperto geopolitico. È un editorialista di spicco nei media nazionali, regionali e internazionali, offre consulenze ai think tank e parla a conferenze internazionali sulla politica e gli sviluppi del Medio Oriente

Amer Al Sabaileh

International Public Relation, Goverment Sector, Business and Human Develpoment, Strategic Analysis.

Member of the teaching staff department of the European languages and Studies University of Jordan – Amman.

Doctorate, Italian Studies University of Pisa “ Arabic and Islamic influence on the other’ s life concepts in the Mediterranean area in the medieval age.

Peace Building and Reconciliation University of Coventry, UK

Master’s degree, Education to peace , International Co – operation, Human Rights and the Politics of the European Union.

Bachelor’s degree-higher diploma, Italian and English literature-Douple Major.

Website: amersabaileh.blogspot.com
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version