Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

16-03-2015

Tensione Cina-Birmania

Rate this item
(2 votes)

Cresce la tensione tra Pechino e Naypyidaw in seguito alla morte di quattro civili cinesi apparentemente causata dall’esplosione di una bomba lanciata da un areo militare birmano impegnato contro la Myanmar National Democratic Alliance Army (MNDAA)[1]. L’incidente è avvenuto nella giornata di venerdì 13 marzo nei pressi della città di Lincang, nella provincia dello Yunnan (estremo sud-ovest della Cina). Il clima politico è reso ancor più pesante dal fatto che, solo pochi giorni prima, un episodio simile ha causato il danneggiamento e la distruzione di alcuni edifici civili.

La contrapposizione tra le forze regolari birmane e i guerriglieri della MNDAA costituisce uno dei tanti conflitti interni a bassa intensità che costellano lo scenario geopolitico mondiale contemporaneo. Numerosi incontri e la firma di alcuni cessate-il-fuoco non sono riusciti a pacificare la situazione in maniera definitiva. Nel febbraio del 2015, poi, la MNDAA ha lanciato una nuova offensiva per riprendere il controllo della regione del Kokang, al confine con lo Yunnan cinese.

Come spiegare quanto successo? Errore umano? Inesperienza, addestramento non ottimale potrebbero aver causato l’incidente. Azione deliberata delle forze birmane? È possibile che una scarsa “etica militare” abbia fatto sì che l’equipaggio del velivolo decidesse di colpire intenzionalmente un obiettivo civile. Provocazione da parte della Birmania? Si potrebbe immaginare l’incidente come mezzo per testare le possibili reazioni cinesi; tuttavia, in tal caso, potrebbe anche rivelarsi un errore strategico dagli effetti imprevedibili. Incidente creato ad arte dalla stessa Cina? Si potrebbe immaginare la Cina alla ricerca di un pretesto per giustificare una maggiore “ingerenza” negli affari interni birmani, d'altronde la storia è ricca di precedenti; tuttavia, potrebbe semplicemente rivelarsi una delle tante teorie-del-complotto prive di fondamento. Esplosione causata dalla MNDAA per inasprire le relazioni tra Cina e Birmania? I guerriglieri birmani potrebbero, infatti, trarre beneficio da un confronto sempre più acceso tra i due paesi, parere peraltro espresso da un officiale birmano citato da Reuters e BBC.

La Birmania si difende affermando che le informazioni raccolte on the groud, sommate a quelle ricevute da GPS e radar, dimostrano come nessun velivolo militare abbia violato lo spazio aereo cinese sul luogo dell’incidente. Pechino si invece è detta pronta a proteggere i propri cittadini, ha chiamato la Birmania a indagare su quanto accaduto e a salvaguardare la sicurezza e la stabilità lungo confine, e ha inviato alcuni caccia a pattugliare l’area con il compito di “seguire, monitorare, mettere in guardia e allontanare” gli aerei militari birmani in caso di nuovi sconfinamenti[2].

 


[1] La Myanmar National Democratic Alliance Army (MNDAA) – conosciuta anche come National Democratic Alliance Army, National Democratic Alliance Army-Eastern Shan State o Mongla Army –  è un gruppo paramilitare ribelle nato nel 1989 dalle ceneri del Partito Comunista della Birmania (fortemente supportato dalla Cina).

[2] RT news.

© Riproduzione Riservata

Alessandro Mazzilli

Laurea in Scienze Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino.

Esperto in Politica Estera di Difesa e Sicurezza e sulle relazioni Euro – Atlantiche.

Analista Geopolitico

Consulente in Servizi di Stuarding e controlli di sicurezza.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version