Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

28-09-2013

IRAN E OCCIDENTE: SI PUO’ FARE!

Rate this item
(6 votes)

Ieri giornata storica per la diplomazia internazionale, il presidente Obama ha telefonato al suo omologo iraniano Rohani. È il primo contatto diretto tra un presidente USA e uno iraniano dal lontano 1979. A chiamare è stato Barack Obama, nel giorno in cui il nuovo leader di Teheran ha impresso un’ulteriore accelerazione al dialogo affermando che “Presenteremo un primo piano sul nucleare già a Ginevra  il 15 e 16 ottobre. Un tavolo al quale parteciperemo insieme al 5+1 senza porre alcuna precondizione.

Obama ha affermato che “La strada che porta all’accordo è irta di ostacoli, ma penso che superare le differenze per una soluzione complessiva sul nucleare iraniano sia possibile”, e si è spinto oltre, fino a ipotizzare un alleggerimento delle sanzioni verso l’Iran, in cambio di azioni significative, verificabili e trasparenti sul nucleare. Il disgelo si riscontra anche nelle letterali parole che i due leader si sono scambiati da un capo all’altro del telefono: “Have a Nice Day”, e stato il saluto in inglese di Rohani, “Thanks, hhodahfez”, la risposta, arrivederci in farsi, del capo della Casa Bianca. 

Intanto poco prima Rohani ha incontrato Enrico Letta per un colloquio a porte chiuse. I due leader si sono visti in serata al Palazzo di Vetro. Il premier Letta, alla fine dell’incontro ha detto di essersi accostato a questo appuntamento “Con cautela e curiosità. Cautela per via della complessa vicenda del nucleare, su cui andiamo con i piedi di piombo”, e poi ha aggiunto “ Quelle che arrivano dall'Iran sono aperture reali e c'è la volontà  giusta di dialogare. Le aperture dell'Iran mi sono sembrate reali, sono stati fatti passi avanti e non è solo una questione d'immagine. È stato un incontro più interessante di quanto potessimo sperare e forse base per futuri sviluppi positivi”. Nel frattempo poco distante il ministro degli Esteri iraniano, Jawad Zarif, incontrava il collega Usa, John Kerry, e il 5+1 sul dossier nucleare della Repubblica Islamica.

Nel colloquio si è parlato di temi concreti come le energie alternative e le attività industriali ma anche del conflitto e dell'emergenza siriana. Ha sottolineato Letta che “Tutti abbiamo sofferto di questi anni di incomunicabilità con l'Iran e toglierla dall'isolamento è nell'interesse strategico di tutti e l'Italia giocherà la sua parte".

Le parole dei due leader occidentali e la disponibilità del presidente Rohani sembrano far ben sperare per il futuro dei rapporti tra questi paesi.

© Riproduzione Riservata

Dariush Rahiminia

Dariush Rahiminia, laureato in Scienze per l’investigazione e sicurezza, perfezionato in Psicologia Investigativa, specializzando in Cooperazione e Sviluppo Internazionale.

La sua attività di studio si incentra su sociologia interculturale e difesa dei diritti umani. Nato in Italia da genitori iraniani, possiede la doppia cittadinanza Italiana/Iraniana. Da sempre appassionato di Relazioni Internazionali, anche grazie alle origini persiane e ai numerosi viaggi intorno al mondo.

Attualmente Consulente Criminologico e C.T.P. per vari studi legali e per un centro di recupero per detenuti.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version