Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

19-12-2013

CRISI NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA: LA FRANCIA CHIEDE INTERVENTO UE

Rate this item
(7 votes)

Imperversa la crisi nella Repubblica Centrafricana. Il paese è nel caos e la popolazione civile è la principale vittima dei continui scontri tra le milizie paramilitari cristiane e quelle musulmane. La Francia è già intervenuta in supporto alla missione di peacekeeping condotta dall’Unione Africana ma, al momento, le circa 1600 unità transalpine facenti parte dell’operazione Sangaris sono lontane dal raggiungere il proprio obiettivo: disarmare le milizie, condurle al dialogo e ristabilire, di conseguente, l’ordine e la sicurezza. 

Per poter fronteggiare meglio il problema, Parigi ha chiamato l’Unione Europea a un diretto intervento militare. L’idea lanciata dall’Eliseo è quella di costituire una forza permanente di pronto intervento europea adibita esclusivamente alla gestione di potenziali crisi africane. La proposta è ora sul tavolo del Consiglio Europeo che proprio in questi giorni (19 e 20 dicembre) è riunito in un summit focalizzato sulle problematiche concernenti la politica di difesa e di sicurezza.

La proposta non è priva di senso ma resta, tuttavia, da valutarne la fattibilità. Nel corso degli ultimi 10-20 anni, i Membri dell’Unione hanno mostrato evidenti difficolta nel raggiungere decisioni importanti in materia. Uno degli esempi più significativi è legato alle crisi balcaniche scoppiate negli anni ’90 nel quadro del processo di dissoluzione della ex-Jugoslavia: l’intervento europeo è stato, di fatto, tanto tardivo quanto ininfluente nel far cessare le ostilità. Oltretutto, l’Unione si è già dotata di uno strumento di pronto intervento, i così detti Battlegroup; eppure, a oggi, nonostante non siano mancate le occasioni, non è mai stato impiegato.

Si attendono, quindi, importanti sviluppi.

© Riproduzione Riservata

Alessandro Mazzilli

Laurea in Scienze Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino.

Esperto in Politica Estera di Difesa e Sicurezza e sulle relazioni Euro – Atlantiche.

Analista Geopolitico

Consulente in Servizi di Stuarding e controlli di sicurezza.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version