Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

08-07-2013

L’IMBARAZZO ATLANTICO DEL DATAGATE

Rate this item
(5 votes)

Luglio 2013, un’estate che si preannuncia arroventata dalle rivelazioni di Edward Snowden, la “talpa”; ex collaboratore della CIA e dell’NSA, per qualcuno un eroe, per altri un traditore. 

Da giungo ha inizio il Datagate, lo scandalo della sorveglianza globale: controllo delle comunicazioni telefoniche, sorveglianza elettronica, spionaggio nelle sedi diplomatiche; queste sono le principali “bombe” lanciate da Snowden dopo aver lasciato la sede dell’NSA nelle Hawaii nel mese di maggio.

Che gli Stati Uniti, ossessionati dalla tutela della propria sicurezza, fossero pronti a spiare la “vita privata” delle persone non desta forse grandi sorprese. Tuttavia, quasi nessuno avrebbe ritenuto Washington capace di spingersi tanto in là da porre sotto sorveglianza alcune delle più importanti sedi diplomatiche europee presenti sul territorio americano. Eppure, secondo quello che potrebbe essere attualmente l’uomo più ricercato d’America, gli Stati Uniti avrebbero messo in atto un intenso spionaggio ai danni delle istituzioni europee e delle sedi di rappresentanza dell’UE, e le ambasciate dei suoi paesi membri sarebbero state oggetto di un monitoraggio continuo. Siffatte rivelazioni hanno inevitabilmente scosso le relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Unione Europea, causando sdegno nel Vecchio Continente (i cui leader minacciano di disertare il progetto di un’area di libero scambio euro-atlantica) e imbarazzo oltreoceano.

Tuttavia, ancora più scalpore lo desta l’indiscrezione che vuole almeno sei paesi europei coinvolti nella gestione del traffico di dati, riportando alla mente vecchi ricordi da guerra fredda. Eppure il 1989 è passato da un pezzo. In ogni caso venti carichi d’imbarazzo hanno colpito anche i centri di potere europei, che sembrano aver abbassato i toni della polemica. Certo, prove tangibili che supportino tale supposizione difficilmente si trovano dietro l’angolo, ma il polverone mediatico sollevato dalla vicenda ha, senza sorpresa, portato alle prime smentite da parte degli esecutivi accusati di una partecipazione “attiva” nella vicenda.

Indipendentemente da quali saranno le future rivelazioni, l’uragano Datagate sembra pronto ad abbattersi nuovamente sulle due sponde dell’Atlantico. 

© Riproduzione Riservata

Alessandro Mazzilli

Laurea in Scienze Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino.

Esperto in Politica Estera di Difesa e Sicurezza e sulle relazioni Euro – Atlantiche.

Analista Geopolitico

Consulente in Servizi di Stuarding e controlli di sicurezza.

FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version