Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

TRIAGE duepuntozero

Switch to desktop

26-04-2022

Macron vince ma non convince

Rate this item
(2 votes)

La vittoria elettorale di Emanuel Macron era scontata sondaggi e media con un bombardamento mediatico senza precedenti hanno anticipato la riconferma del Presidente francese rendendola benefica e necessaria nel contesto storico attuale.

Sì è voluto, così legare, ancora una volta, la soluzione della crisi ucraina agli uomini che sembrerebbero dare stabilità e soluzioni alla nostra Europa.

In realtà Macron nei suoi primi 5 anni di governo non ha risolto nessuna delle problematiche emergenti che si è trovato ad affrontare, per ultimo i suoi continui colloqui con Putin non hanno portato risultati apprezzabili.

Un'analisi realistica non può che valutare il bilancio professionale di Macron come mediocre in politica estera ed insufficiente nella politica interna.

Le proteste a Parigi ed in altre città francesi dopo la rielezione di Macron non vanno e non possono essere sottovalutate.

Le periferie di Lione, Rennes, Tolosa, Marsiglia e le banlieux parigine si sono infiammate al grido…, né con Macron né con Le Pen, circa 17 milioni di francesi non si riconoscono nei politici che dovrebbero rappresentarli.

La rabbia e la ribellione arriva dalle famiglie più povere, quelle che hanno visto nel primo semestre del 2022 ridurre il loro, già misero, tenore di vita del 5%.

Episodi preoccupanti che l’intelligence francese non deve sottovalutare, perché le proteste di oggi potrebbero trasformarsi in azioni terroristiche al termine del Ramadan.

La Francia è la nazione europea maggiormente infiltrata dall’integralismo islamico, è il paese che più di altri non è riuscito ad integrare gli immigrati di religione islamica di 3 generazione, ragazzi, donne ed uomini facilmente reclutabili nel web.

Questo è oggi il vero pericolo per Macron, tornare ad essere un bersaglio del terrorismo islamico.

Terrorismo che sarà funzionale nel generare instabilità, incertezze ed angoscia esistenziale con l’obiettivo, a breve e medio termine, di disorientare l’Europa e dissuadere gli Stati membri nel continuare ad avere una postura unitaria verso ogni situazione di crisi.

Sergio Giangregorio

Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali. Perfezionato presso L’Università degli Studi Roma 3 in “ Modelli Speculativi e ricerche educative nell’interazione multimediale di primo e secondo livello“ Docente universitario a contratto in materie investigative con specifico expertise sulla sicurezza in aree urbane, sulle tecniche di intelligence e di peacekeeping. Esperto di comunicazione in situazioni estreme.

Giornalista investigativo ed analista di intelligence , come Ghost writer ha elaborato numerosi studi strategici coprendo tutti i teatri di guerra dai balcani , al vicino oriente seguendo i conflitti in Afganistan, Iraq e nel nord-Africa.

Presidente del Centro Europeo Orientamento e Studi – Ente morale di diritto privato per la difesa dei diritti civili.

Direttore Responsabile del magazine online Convincere.

Website: www.sergiogiangregorio.it
More in this category: « FAST DAYS
FaLang translation system by Faboba

Copyright CEOS 2012 - 2015. All rights reserved.

Top Desktop version